Etf: prosegue la corsa di banche e auto

A
A
A
di Francesco Biraghi 24 Luglio 2008 | 10:50
Prosegue il rimbalzo per gli Etf che investono nei settori banche, auto e assicurazioni, favoriti dal ribasso di petrolio e materie prime. Buone notizie anche per chi investe in India. Rintracciano invece gli Etc, influenzati dal calo di oro nero e metalli preziosi, e dal recupero del dollaro.

Giornata molto positiva quella del 23 luglio per gli Etf del settori finanziario e per quelli che investono nei paesi emergenti.

Al primo posto troviamo infatti Lyxor Etf DJ Stoxx 600 Banks con una performance giornaliera di +7,93%, che fa meglio del concorrente Db X-trackers DJ Stoxx 600 Banks Etf con un + 6,56% di tutto rispetto.

Anche il settore assicurativo e auto hanno chiuso in deciso rialzo, con il Lyxor Etf DJ Stoxx 600 Insurance a +5,91% e il Lyxor Etf DJ Stoxx 600 Automobiles & Parts a +5,22%. Settore auto trainato in Italia da Fiat che chiude con la migliore performance del S&P MIB a +12%.

Molte bene anche gli Etf specializzati sui paesi emergenti, che proseguono la loro corsa rialzista con ottime performance soprattutto per quelli che investono in India e nei paesi emergenti dell’Asia, che a differenza di altri sono meno legati alle materie prime.

Il migliore con un +7,83% è il DB X-trackers S&P Cnx Nifty Etf, che replica il rendimento dell’indice S&P CNX Nifty composto dai 50 principali titoli azionari rappresentativi dell’economia indiana.

Performance negative invece per gli Etf che adottano una strategia Short e per quelli specializzati sulle materie prime. Il peggiore risulta il Db X-Trackers Dj Stoxx 600 Banks Short Etf a -6,69%.

Per quanto riguarda gli Exchange Traded Commodities (ETC), hanno chiuso per la maggior parte in forte calo, influenzati dal ribasso del petrolio, che nella seduta di ieri ha chiuso a 124 dollari al barile, in calo del 2,7%.

Forte calo per anche per il settore dei metalli, in particolare i metalli preziosi hanno sofferto del rafforzamento del dollaro statunitense, in recupero rispetto alla valuta della zona Euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti