Etp: i trader italiani si stanno spostando verso strategie short

A
A
A
di Redazione 29 Marzo 2022 | 15:29

Il nuovo studio pubblicato dall’emittente di ETP GraniteShares, la prima società ad aver lanciato ETP a leva singola su singole azioni su Borsa Italiana, mostra come i maggiori trader azionari italiani siano sempre più attratti dalle strategie short o short a leva, in concomitanza con la crescita dell’interesse verso questo settore.

La ricerca di GraniteShares si è focalizzata sui trader azionari che investono più di 1000 dollari in azioni o in ETF ogni mese e mostra come l’86% di questi siano interessati ad implementare posizioni short o short leveraged sul segmento azionario, mentre l’87% potrebbero andare short su singole azioni nei prossimi due anni. Inoltre, evidenzia come l’interesse verso questo tipo di prodotti sia in crescita nel nostro Paese.

Circa il 62% degli intervistati ha affermato di trovare interessante l’investimento in ETP su singole azioni a cui si aggiunge il 27% che gli darebbe comunque una possibilità. Solo il 7% dei trader non investirebbe mai in questi strumenti.

Will Rhind, fondatore e ad di GraniteShares, ha dichiarato: “Le strategie short e short leveraged si sono dimostrate remunerative per i trader durante i recenti periodi di elevata volatilità dei mercati azionari e stanno guadagnando popolarità tra gli investitori italiani. Naturalmente, a queste sono associati anche dei rischi, ma si è anche visto che durante la pandemia, l’interesse verso il trading è cresciuto, con i grandi investitori retail che hanno iniziato ad adottare strategie che sono sempre state un’esclusiva degli istituzionali”.

Il 2021 è stato molto positivo per GraniteShares che ha toccato quota 1,7 miliardi di dollari di volumi di trading per i suoi prodotti quotati su LSE, Euronext e Borsa Italiana; nel 2020 erano 130,7 milioni di dollari. I prodotti più scambiati sono stati il GraniteShares 3x Long Tesla ETP e il GraniteShares 3x Long Rolls-Royce ETP, che hanno fatto registrare volumi rispettivamente per 581 e 255 milioni di dollari.

Le masse gestite (AuM) sono passate dai 100 milioni di dollari, raggiunte nell’aprile dello scorso anno, a 260 milioni di dollari a fine 2021. E questa rapida espansione della società è stata dovuta alla crescente domanda degli investitori più sofisticati, in cerca di nuovi prodotti su cui fare trading.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X