Etf: Amundi amplia la gamma di prodotti ESG

A
A
A
di Redazione 7 Aprile 2022 | 11:31

Amundi conferma il proprio impegno nell’offrire agli investitori una gamma di prodotti ESG sempre più ampia e annuncia la conversione di due dei suoi principali ETF azionari (sugli indici CAC 40 e STOXX Europe 600), che integrano ora i criteri ESG. Questa iniziativa rientra nel Projet Sociétal del Gruppo Crédit Agricole e nel suo impegno a favore del clima.

A partire dal 21 marzo 2022, l’Amundi CAC 40 UCITS ETF DR è diventato Amundi CAC 40 ESG UCITS ETF DR. L’ETF replica l’indice CAC 40 ESG e consente agli investitori di esporsi alle principali 40 azioni  francesi che dimostrano solide pratiche ambientali, sociali e di governance, selezionate dal paniere di titoli che compongono l’indice CAC Large 60, attraverso un rigoroso screening basato su esclusioni e un approccio best-in-class. Questo ETF ha un’impronta di carbonio ponderata ridotta, e il suo rapporto green-to-brown migliore agevola la transizione verso investimenti low carbon. Con 1,2 miliardi di euro di patrimonio in gestione, si tratta del più grande ETF con tale esposizione disponibile sul mercato.

A partire dalla stessa data, l’Amundi Stoxx Europe 600 UCITS ETF è diventato Amundi Stoxx Europe 600 ESG UCITS ETF DR. L’ETF, commercializzato in Italia esclusivamente per la clientela professionale, replica l’indice STOXX Europe 600 ESG Broad Market e consente agli investitori di esporsi alle azioni dei Paesi europei sviluppati, selezionando dall’indice STOXX Europe 600 l’80% delle azioni con il punteggio ESG più elevato. Gli emittenti coinvolti in pratiche controverse sono esclusi.

Entrambi gli ETF sono ora classificati secondo l’articolo 8 del Regolamento SFDR dell’UE.

 Arnaud Llinas, Head of ETF, Indexing & Smart Beta di Amundi, ha commentato: “Gli investitori sono sempre più alla ricerca di nuove opzioni per riorientare i loro portafogli verso gli investimenti responsabili. Queste evoluzioni nella nostra gamma di ETF riflettono il nostro impegno ad accompagnare gli investitori nella loro transizione ESG”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X