Etf, come sfruttare il piano dell’Aie per l’indipendenza energetica europea

A
A
A
di Redazione 7 Giugno 2022 | 14:01

L’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) ha recentemente pubblicato una tabella di marcia pensata per l’UE come piano in dieci punti per ridurre la sua dipendenza dal gas naturale russo.

Rahul Bhushan co-fondatore di Rize ETF, analizza questo programma e identifichiamo le società europee del Rize Environmental Impact 100 UCITS ETF che possono essere influenzate positivamente da ciascuna di queste iniziative.

Nel 2021, l’UE ha importato in media oltre 380 milioni di metri cubi (mcm) di gas al giorno via gasdotto dalla Russia, ovvero circa 140 miliardi di metri cubi (bcm) per l’intero anno. Inoltre, circa 15 miliardi di metri cubi sono stati consegnati sotto forma di gas naturale liquefatto (GNL). I 155 miliardi di metri cubi importati dalla Russia rappresentano circa il 45% delle importazioni di gas dell’UE nel 2021 e quasi il 40% del suo consumo totale di gas.

I passi in avanti verso le zero emissioni in Europa ridurranno l’uso e le importazioni di gas nel tempo, ma la crisi odierna solleva questioni specifiche sulle importazioni dalla Russia e su ciò che i politici e i consumatori possono fare per ridurle. Questa analisi dell’AIE propone una serie di azioni immediate che potrebbero essere intraprese per ridurre la dipendenza dal gas russo, migliorando al contempo la resilienza a breve termine della rete del gas dell’UE e riducendo al minimo i disagi per i consumatori vulnerabili.

Il piano in dieci punti dell’AIE

  1. Accelerare la diffusione di nuovi progetti eolici e solari

Nel 2022, grazie alle aggiunte record di capacità di energia solare fotovoltaica ed eolica, la produzione di energia rinnovabile dell’UE dovrebbe aumentare di oltre 100 terawattora, ovvero del 15% rispetto al 2021. Per questo motivo, produttori di energia solare ed eolica come Prysmian Spa, Vestas Wind Systems, Nordex e SMA Solar Technology saranno molto richiesti.

  1. Accelerare la sostituzione delle caldaie a gas con pompe di calore

Le pompe di calore sono alternative efficienti ed economiche alle tradizionali caldaie a gas. Anche se raddoppiare i tassi di installazione comporterebbe un investimento di 15 miliardi di euro, ciò consentirebbe di risparmiare 2 miliardi di metri cubi di gas entro l’anno. Le aziende che producono pompe di calore sono NIBE Industrier e Trane Technologies.

  1. Accelerare i livelli di efficienza energetica negli edifici e nell’industria

L’efficienza energetica è fondamentale per una transizione energetica sicura e pulita. Il 15% del Rize Environmental Impact 100 UCITS ETF è dedicato alle soluzioni di efficienza energetica. Questo include società come Kingspan Group e Owens Corning , Ameresco, Schneider Electric.

  1. Intensificare gli sforzi per la diversificazione e la decarbonizzazione delle fonti di flessibilità del sistema elettrico.

Schneider Electric e Legrand sono impegnate nella trasformazione digitale della gestione e dell’automazione dell’energia e offrono soluzioni per rendere la rete più intelligente ed efficiente.

  1. Incoraggiare una regolazione temporanea del termostato da parte dei consumatori

Un edificio medio nell’UE è riscaldato a 22 gradi Celsius. Se tutti gli edifici riducessero i loro termostati di un solo grado Celsius, la domanda di gas si ridurrebbe di 10 bcm all’anno. Tra le aziende che producono soluzioni per la gestione dell’energia ci sono Landis+Gyr Group – Landis+Gyr Group AG produce soluzioni per la gestione dell’energia. L’azienda offre contatori monofase e polifase, commerciali e industriali come Smart Metering Systems e Itron.

  1. Massimizzare la generazione da fonti esistenti dispacciabili a basse emissioni: bioenergia e nucleare.

Rize Environmental Impact 100 UCITS ETF non investe nel nucleare. Le società con ricavi da fonti alternative a basse emissioni includono Borregaard (bioetanolo), Neoen (biomassa),

– Sao Martinho (etanolo) – Sao Martinho SA è un gruppo brasiliano che produce etanolo con quattro mulini: Sao Martinho, Iracema, Santa Cruz e Boa Vista. Tutti generano elettricità dalla combustione di melassa di canna da zucchero.

Ormat Technologies (geotermia) – Ormat Technologies Inc sviluppa e gestisce progetti di energia rinnovabile. L’azienda offre soluzioni geotermiche, di recupero energetico e di gestione e stoccaggio dell’energia.

Mercury NZ Ltd (geotermia) – Mercury NZ Ltd fornisce servizi di pubblica utilità. L’azienda genera e fornisce elettricità da centrali idroelettriche, geotermiche, a gas ed eoliche, oltre a possedere e gestire centrali a bioenergia.

  1. Misure a breve termine per proteggere i consumatori vulnerabili di elettricità dai prezzi elevati.

Si presume che queste misure a breve termine vengano adottate attraverso una legislazione sulle società di servizi. In tal caso, è probabile che le società di servizi vendano l’elettricità ai consumatori a un prezzo ridotto, riducendo così i margini di profitto. Non è chiaro se il Rize Environmental Impact 100 UCITS ETF abbia beneficiato di questo punto.

  1. Introdurre obblighi minimi di stoccaggio del gas per aumentare la resilienza del mercato

Non vediamo implicazioni per le aziende e i mercati nel caso in cui i governi introducano nuovi limiti quantitativi di stoccaggio. È improbabile che ciò possa innescare una spesa infrastrutturale (cioè la costruzione di nuova capacità di stoccaggio). Probabilmente si verificherebbe un aumento una tantum dei prezzi del gas naturale in seguito all’aumento della domanda, per raggiungere la soglia e poi un ritorno allo status quo. Nella misura in cui un maggiore stoccaggio di energia è necessario, aziende come Ormat Energy e Siemens Gamesa Renewables si trovano in una posizione privilegiata per trarne vantaggio.

– Ormat Technologies – Ormat Technologies Inc sviluppa e gestisce progetti di energia rinnovabile. Questa società offre soluzioni geotermiche, di recupero dell’energia e di gestione e stoccaggio.

– Siemens Gamesa Renewable Energy – Siemens Gamesa Renewable Energy SA progetta e produce apparecchiature per le energie rinnovabili come turbine eoliche, riduttori per turbine, impianti off-grid e altre apparecchiature correlate. Il gruppo fornisce anche servizi di manutenzione e revisione.

  1. Nessun nuovo contratto di fornitura di gas con la Russia

Il Rize Environmental Impact 100 UCITS ETF non include il gas naturale come combustibile sostenibile; nel nostro ETF non vi sono società che producono o trasportano gas naturale o GNL. Nella misura in cui le forniture di gas dovranno essere sostituite a breve termine da energie alternative, le società europee di produzione di energia rinnovabile potrebbero trarne vantaggio:

– EDP Renovaveis – EDP Renovaveis SA progetta, sviluppa, gestisce e opera centrali elettriche. L’azienda genera elettricità utilizzando fonti di energia rinnovabili come l’energia eolica.

– Enlight Renewable Energy – Enlight Renewable Energy Ltd è una società di energie rinnovabili specializzata nell’avvio, nello sviluppo, nel finanziamento, nella costruzione, nella gestione e nel funzionamento di progetti di energia eolica e solare.

– Solaria Energia y Medio Ambiente – Solaria Energia y Medio Ambiente SA fornisce soluzioni per la generazione di energia solare. L’azienda genera energia da pannelli fotovoltaici a energia solare.

– Neoen – Neoen SAS opera come società energetica indipendente che sviluppa, finanzia, costruisce e gestisce impianti di energia rinnovabile di tipo solare, eolico e a biomassa.

  1. Sostituire le forniture russe con gas proveniente da fonti alternative

Come sopra.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X