Argento redivivo, ecco come approfittarne

A
A
A
di Redazione 28 Settembre 2022 | 12:31

Da inizio anno i due principali metalli preziosi, oro e argento, hanno dovuto affrontare diversi venti contrari, ma nei prossimi mesi un dollaro più stabile dovrebbe contribuire a una ripresa.

“L’argento, in particolare, tende a performare bene quando l’economia rallenta o nel periodo immediatamente successivo. Sul lungo termine, inoltre, il suo utilizzo nella produzione delle celle fotovoltaiche gli conferisce un ruolo chiave nella transizione energetica europea e americana, con l’Inflation Reduction Act che rappresenterà un vento a favore strutturale”. A farlo notare è Morgane Delledonne, Head of Investment Strategy Europa di Global X, che di seguito illustra nel dettaglio la propria view.

Attualmente, il rapporto oro-argento è vicino a 90, ossia occorrono 90 once d’argento per acquistare un’oncia d’oro, ben al di sopra della media di lungo periodo, pari a 68. Più alto è il rapporto, più l’argento è sottovalutato rispetto all’oro. Questo rapporto tende in genere a salire durante i mercati ribassisti dei metalli preziosi, e a scendere durante i mercati rialzisti, essendo l’argento è più volatile dell’metallo giallo.

La situazione attuale mostra come raramente l’argento è stato così economico rispetto all’oro. E i trend storici ci dicono che se i metalli preziosi dovessero entrare in un mercato rialzista il rapporto oro-argento dovrebbe restringersi significativamente, con un rally dell’argento superiore a quello dell’oro.


Inoltre, con i prezzi dell’argento sul livello della media degli ultimi 5 anni, i titoli delle aziende che estraggono argento appaiono sottovalutati. Il P/E medio dei minatori d’argento – che si attesta a 30x – è infatti inferiore del 17% rispetto alla media quinquennale di 36x. Questo nonostante i fondamentali delle aziende minerarie siano migliori di quanto le valutazioni lascino intendere: nonostante il calo dei prezzi della materia prima e l’impennata dei costi dovuta all’inflazione, che hanno reso difficile il secondo trimestre 2022, gli utili dei minatori d’argento sono rimasti relativamente solidi, con una crescita delle vendite del 6,3% su base annua e un margine di profitto del 5,7%.

Le stime sui ricavi delle società incluse nell’indice Solactive Global Silver Miners Total Return v2 (che traccia le aziende minerarie d’argento globali) sono in calo del 3,7% anno su anno per il 2022, ma gli analisti prevedono un forte rimbalzo nel 2023, fino al 22,4%. Attualmente, il rating aggregato del sentiment di mercato sui minatori d’argento è pari a 4,3, in crescita rispetto al livello pre-pandemico di 3,9. Questo rating varia tra 1 e 5, con 5 come segnale rialzista e 1 come segnale ribassista.

I titoli delle aziende minerarie sono particolarmente interessanti perché performano a leva rispetto alla materia prima, tendendo a sovraperformare il metallo quando i prezzi salgono e a sottoperformare quando scendono. Un marcato rallentamento dell’economia, scenario abbastanza probabile nel medio termine, potrebbe rappresentare il fattore scatenante di un impulso rialzista.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti