Etf: si salvano solo gli short e gli obbligazionari

A
A
A
Avatar di Andrea Zona 4 Settembre 2008 | 10:00
Giornata difficile per i mercati internazionali che chiudono tutti in rosso. Tra gli Etf si salvano gli short su indici settoriali e gli obbligazionari. Soffrono tutti gli altri con materie prime e paesi emergenti tra i più in difficoltà. Tra le commodities ripresa per i metalli preziosi e industriali.

La seduta del 03 settembre si è chiusa positivamente per gli Etf che shortano gli indici di mercato e che investono in titoli obbligazionari.

Il migliore Etf è stato il DB X-T. DJ Stoxx 600 Technology Short (+3,03%). L’Etf della casa tedesca Deutsche Bank ha una commissione di gestione annua dello 0,50% e shorta i titoli europei a più alta capitalizzazione del settore tecnologico.

A conferma del buon andamento degli shorts su indici settoriali, buone performance anche per DB X-T. S&P 500 Short (+1,56%), per il DB X-T. DJ Euro Stoxx 50 Short Index (+1,28%) e per il DB X-T. DJ STOXX 600 Banks Short (+1,18%).

Bene anche gli Etf che investono in titoli obbligazionari con il Lyxor Etf EuroMTS 7-10 Years (+0,88%), con Lyxor Etf EuroMTS 10-15 Years (+0,74%), con il J.P. Morgan Etf GBI EMU 7-10 Years (+0,62%) e con il J.P. Morgan Etf GBI EMU 5-7 Years (+0,52%)

Male gli Etf che investono in paesi emergenti. Il peggiore di giornata è stato l’iShares MSCI AC Far East ex – Japan (-3,59%) seguito dal DB X-T. MSCI Russia Capped Index (-3,55%), dal DB X-T. FTSE/Xinhua China 25 Index (-3,07%), dall’iShares MSCI Eastern Europe (-3%) e dal Lyxor Etf Hong Kong (-3,29%).

Male anche le materie prime con il DB X-T. DJ Stoxx 600 Basic Resources (-2,71%), con il Lyxor Etf DJ Stoxx 600 Basic Resources (-2,5%) e con l’iShares DJ STOXX 600 Basic Resources Swap (-2,24%).

Sul fronte degli Exchange Traded Commodities (ETC), rialzi per metalli e frumento.

L’Etfs Copper è il migliore di giornata chiudendo con una performance di + 3,32% dopo un lungo periodo in calo. Il rialzo del dollaro USA è stato uno dei motivi principali per il rallentamento del rame, unito alla mancanza di chiarezza per la domanda cinese.

Tra i metalli bene anche l’Etfs Physical Palladium (+1,84%), l’Etfs Gold (+1,27%) e l’Etfs Physical Platinum (+1,04%).

Bene anche il frumento che ha fatto registrare una leggera ripresa (+1,27%), ieri, dopo aver segnato il più lungo periodo in calo degli ultimi 2 anni. La convinzione degli osservatori è che i prezzi più bassi attireranno degli acquisti dall’estero.

Male ancora gli Etc sugli energetici, con performance che vanno dal –3,44% dell’Etfs Natural Gas al –0,67 dell’Etfs Gasoline. Il petrolio continua con il suo calo, in attesa dei dati settimanali sulle scorte che verranno rilasciati domani a causa della festività di lunedì. Ci si aspetta un aumento di 450 mila barili rispetto alla settimana precedente. Gli osservatori sono preoccupati per il calo della domanda a livello mondiale a causa di un rallentamento economico. Nonostante la debolezza per il petrolio, sembra che il gas naturale stia cercando di trovare dei minimi, per lo meno nel breve periodo. A livello di Cot (il report settimanale che indica il posizionamento dei trader), i “commercial” stanno dando un buon supporto al mercato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Bank dà il benservito a Trump

Deutsche Bank, 248 persone non servono più

Deutsche Bank Italia, Fachin è il nuovo Coo

NEWSLETTER
Iscriviti
X