Bnp Paribas amplia la gamma di covered warrant

Dopo l’introduzione dei nuovissimi Spread Certificate a maggio di quest’anno, BNP Paribas ha ampliato ulteriormente la gamma di Covered Warrant (CW)  sul mercato SeDex di Borsa Italiana, quotando centinaia di nuovi prodotti sia su nuove azioni italiane (A2a, Buzzi), europee (Renault, LVMH, Volkswagen, Biontech) ed americane (Intel, Palantir), che su un nuovo indice (il Russel 2000), ma soprattutto introducendo nuove scadenze per i principali titoli, spingendosi addirittura fino a giugno e a dicembre 2024.

Dopo la correzione nel secondo semestre del 2022, i listini azionari hanno registrato aumenti a doppia cifra nel primo semestre 2023, a fronte di una volatilità compressa ai minimi termini. In particolare, da inizio anno l’indice italiano è stato il migliore in Europa con il +21%, ma anche l’S&P 500 e il Nasdaq hanno registrato crescite importanti, rispettivamente del +18% e del +34%. Il rally dei mercati azionari è stato accompagnato da una volatilità estremamente compressa, attualmente intorno a 14, livelli intorno ai minimi storici, se si pensa che durante la correzione di fine 2022 è arrivata sopra i 30 e durante la crisi Covid addirittura sopra gli 80. In questo contesto di mercato i Covered Warrant sono un prodotto particolarmente efficiente: infatti essi, siano essi call o put, sono particolarmente economici e tenderanno ad aumentare di valore qualora la volatilità dovesse tornare ai livelli di lungo periodo

Se è difficile pensare che il mercato continuerà a crescere con questi ritmi per la seconda parte dell’anno e considerando che il più veloce aumento dei tassi mai registrato nella storia potrebbe prima o poi creare un rallentamento dell’economia, potrebbe essere un buon momento per considerare una copertura almeno parziale del portafoglio prima della pausa estiva. Ed in questo momento la volatilità così bassa consente una copertura del portafoglio particolarmente economica: com’è noto infatti, la volatilità fa alzare i prezzi delle opzioni e dei covered warrant.

I Covered Warrant sono strumenti finanziari che permettono di acquistare (Covered Warrant CALL) o di vendere (Covered Warrant PUT) una determinata attività finanziaria sottostante (azione o indice) a un determinato prezzo prefissato (Strike o Prezzo di Esercizio) e a una determinata data futura (scadenza). Chi decide di investire nei Covered Warrant beneficia di questa facoltà mediante il pagamento di un premio, che rappresenta il valore proprio del Covered Warrant. I CW inoltre permettono di circoscrivere il rischio all’importo del premio investito ed hanno un livello di “Break-even” oltra al quale (CW di tipo Call) o sotto al quale (CW di tipo Put) l’investitore avrà un guadagno alla scadenza;

Confrontando i Covered Warrant con le strategie in opzioni, i primi hanno come vantaggio una gestione operativa molto semplificata: infatti è sufficiente acquistare un singolo codice ISIN attraverso lo stesso conto titoli normalmente utilizzato per investimenti azionari, obbligazionari o in ETF. Invece un’analoga strategia in opzioni necessita dell’apertura di un conto derivato e il versamento di un margine iniziale.

Per fare formazione sull’utilizzo dei Covered Warrant nelle diverse situazioni di mercato e fare comprendere l’impatto delle diverse variabili sul loro prezzo, BNP Paribas ha deciso di introdurre una nuova trasmissione bisettimanale, Flash Mercati, che da settembre vedrà la conduttrice Aleksandra Georgieva e Luca Stellato, noto trader in opzioni e covered warrant ed esperto in formazione, fare educational ogni secondo Venerdì alle 9:30 sul canale Youtube di Investimenti Bnp Paribas.

Nevia Gregorini, Head of Exchange Traded Solutions Italia di BNP Paribas Corporate & Institutional Banking, ha così commentato: “I nuovi Covered Warrant sul Russell 2000 e su molte nuove azioni europee ed americane, oltre all’ampliamento delle scadenze per i sottostanti principali a giugno e addirittura a dicembre 2024 vanno a completare la già vasta gamma di soluzioni che mettiamo a disposizione degli investitori. Pensati per un’ottica di breve termine, questi strumenti bene si adattano alle esigenze di copertura di portafoglio, perché grazie alla leva finanziaria danno la possibilità di ottenere un rendimento superiore, puntando al rialzo o al ribasso sui titoli sottostanti”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!