Certificati – UniCredit sfida gli Etf

A
A
A
di Redazione 30 Ottobre 2008 | 09:15
UniCredit lancia una nuova gamma di certificati Benchmark Open End, negoziabili sul Cert-X, il nuovo segmento dedicato ai certificates del mercato EuroTLX. Si tratta di 60 nuovi prodotti, che replicano in modo lineare l’andamento degli indici sottostanti, senza scadenza, con basse commissioni di gestione e massima trasparenza, in diretta competizione con gli investimenti passivi per eccellenza, come gli Etf.

UniCredit Group lancia sul mercato una nuova gamma di certificati di investimento che consentono agli investitori privati di accedere in modo semplice e trasparente a diverse classi di investimento e a diverse strategie di gestione a basso costo.

I 60 certificati negoziati sul segmento Cert-X, il nuovo segmento dedicato ai certificates del mercato EuroTLX, replicano senza scadenza, senza barriere e senza effetto leva le performance di molti indici sottostanti. In particolare, l’azionario europeo, come gli indici settoriali e size dell’Eurostoxx, Stoxx, Stoxx 50 e Eurostoxx 50 e anche Stoxx Nordic e Europa Enlarged, CECE (Centro-orientale) e SETX (Europa del sud-est), Stoxx Strong Growth, Strong Value, Select Dividend, Dow Jones Eurostoxx 50 short e Short Dax, Stoxx Global 1800, Stoxx, America 600, il S&P500, S&P BRIC (Brasile, Russia, India, Cina), e Stoxx Asia/Pacific 600 (global ed Ex-Japan).

E ancora sulle materie prime con i 5 indici Dow Jones e il settore immobiliare con gli Indici Stoxx Real estate Europa, America ed Asia/Pacifico.

Con questi prodotti, UniCredit Group crea un mercato che vuole competere direttamente con il segmento degli investimenti passivi (Etf e fondi) e può farlo grazie alla sua posizione ai primi posti in Europa come Market Maker del mercato degli Exchanged Traded Funds).

E sul fronte dei costi, le commissioni di gestione sono sempre inferiori alle forme di investimento alternative ed in alcuni casi pari a zero ed il trattamento fiscale dei certificati permette, a differenza di altre forme di investimento, di compensare fiscalmente guadagni e perdite.

Allo stesso tempo con questa emissione TLX inaugura il segmento Cert-X, su cui gli investitori avranno la possibilità di negoziare una selezione di certificates quotati in esclusiva su EuroTLX, sfruttando un’ elevata liquidità grazie al modello “ibrido” in cui è prevista sempre la presenza di almeno un Market Maker su ogni titolo quotato, orari estesi di negoziazione, trasparenza pre- e post-trading con disponibilità dei prezzi in tempo reale.

“Con l’introduzione di Cert-X stiamo proseguendo il processo di crescita del numero e della gamma di strumenti finanziari offerti agli investitori privati”, commenta Alessandro Zignani (nella foto), direttore generale di TLX.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, da Societe Generale quattro nuovi Cash Collect Maxi Coupon

Certificati: da Vontobel nuovi Memory Cash Collect Certificate

Certificati, Facebook: recupero possibile dopo lo scivolone

NEWSLETTER
Iscriviti
X