Acepi, cresce l'educational sui certificati

A
A
A
Avatar di Redazione 21 Novembre 2008 | 09:15
Bluerating.com ha intervistato Adele Bricchi, segretario generale di Acepi, l’Associazione italiana certificati e prodotti di investimento, per avere un bilancio sull’attività dell’associazione nel 2008 per ciò che riguarda la promozione di questi particolari strumenti di investimento e per sapere quali siano i progetti in cantiere per il 2009.

Ieri avete organizzato a Milano insieme all’Aipb una conferenza dal titolo “I Certificati: strumenti di ottimizzazione per portafogli Private”. Ci può raccontare quali sono stati i principali temi che avete trattato?
La conferenza è voluta essere un momento di incontro tra due mondi che abbiamo visto in questi ultimi anni interagire sempre di più. Le esigenze del private banking cambiano, passano da una logica di prodotto ad una di consulenza, e i certificati riescono a rispondere alle nuove esigenze in termini di trasparenza, flessibilità e liquidità.

A proposito di Acepi, che bilancio ci può tracciare da inizio anno dell’attività della vostra associazione?
Acepi è nata per promuovere una cultura evoluta dei prodotti di investimento, in particolare dei certificati.  Nel 2008, l’associazione ha portato a termine i seguenti risultati: il decalogo, un insieme di regole e impegni che gli associati hanno deciso di condividere e rispettare per rispondere ad esigenze di chiarezza, trasparenza, omogeneità e standardizzazione e favorire, così, l’efficienza del mercato; la raccolta dei dati del mercato primario dei certificati e la loro rielaborazione per offrire una fotografia completa della reale diffusione di questi strumenti; l’adesione all’Associazione Europea dei Prodotti Derivati, Euderas, che rappresenta gli interessi del settore in Europa; e la Mappa dei Certificati.

Su questo ultimo punto. Ci può spiegare nel dettaglio di che cosa si tratta e la sua finalità?

Per agevolare la conoscenza dei prodotti sia per gli investitori finali che per gli intermediari, abbiamo creato una mappatura dei certificati, che si trova sul nostro sito web, suddividendoli nelle seguenti quattro macro-categorie (a seconda della tipologia di prodotti): a capitale protetto, condizionatamente protetto, non protetto e con leva.

Quali sono i vostri progetti per il nuovo anno?
Il 2009 ci vede impegnati su più fronti. Prima di tutto nella creazione di momenti di incontro e di scambio tra i protagonisti del mercato, come abbiamo fatto con la conferenza di ieri, poi approfondiremo il tema della Mappa dei Certificati con la creazione di adeguati strumenti di analisi e di ricerca, con finalità educational, e infine continueremo a cooperare con le autorità regolamentari e con le società di gestione dei mercati per cercare di offrire sempre una maggiore trasparenza al comparto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, Francia al timone di Acepi

Certificati, Acepi aggiorna la mappa del mercato

Associazioni, Acepi dice la sua sulla Tobin Tax

NEWSLETTER
Iscriviti
X