Boom di Etc legati a energia e combustibili fossili

A
A
A
di Redazione 11 Dicembre 2008 | 11:10
Nella settimana dal 1° al 5 dicembre, secondo i dati raccolti da ETF Securities, c’è stato un forte aumento nelle posizioni nette degli Etc long legati al settore energia e combustibili fossili. Tra gli altri Etc, sono cresciuti i replicanti sull’oro, argento e quelli leveraged sul petrolio.

I flussi negli Etc long, al netto degli Etc short, sono aumentati per la quarta settimana consecutiva, registrando un aumento di 375 milioni di dollari durante il periodo. Dal 7 novembre, giorno in cui i flussi hanno registrato i minimi, vi è stato un aumento del 10%.

Il principale driver di questa tendenza è da attribuire a un forte aumento nelle posizioni nette degli Etc long legati al settore energia. Nell’ultima settimana, gli afflussi negli Etc long energy sono cresciuti a un’andatura vertiginosa, aumentando di quasi 70 milioni di dollari. Le posizioni nette sugli Etc relativi ai combustibili fossili, Etc long al netto delle posizioni short, sono attualmente al livello più alto da febbraio 2008. Ciò sottolinea come gli investitori si stiano posizionando in modo sempre più rialzista sui prezzi dei combustibili fossili.

E per Massimo Siano (nella foto), responsabile per l’Italia di ETF Securities, intervistato da Bluerating.com: “Quasi 1Energy Etc su 3 in Europa appartiene ad investitori italiani ed è per questo che vorrei ringraziarli. La notevole popolarità che hanno i nostri Etc sui combustibili fossili ed in particolar modo Natural Gas e Crude Oil dimostra quanto l’investitore italiano sia migliorato nella diversificazione degli attivi non correlati nel proprio portafoglio”.

Nell’ultima settimana, i cinque migliori Etc per afflussi nel comparto energetico sono stati: ETFS  Crude Oil, ETFS Brent, ETFS WTI, ETFS Energy DJ-AIGCI e ETFS Leveraged Crude Oil. Questi Etc hanno inciso complessivamente per l’85% degli afflussi netti registrati nell’ultima settimana. ETFS Crude Oil ha registrato gli afflussi più ingenti tra i prodotti di ETF Securities legati al comparto energia. Nell’ultima settimana gli afflussi netti sono stati di 26 milioni di dollari, in crescita del 250% nelle ultime sei settimane.

È inoltre interessante notare che gli afflussi di ETFS Leveraged Crude Oil sono cresciuti di 6,3 milioni di dollari nell’ultima settimana, il più ingente incremento settimanale e il terzo aumento consecutivo. Ciò sta a indicare come molti investitori stiano prendendo posizioni più aggressive nei confronti del petrolio. La domanda per ETFS Physical Gold, Gold Bullion Securities e ETFS Physical Silver, tutti garantiti da metalli preziosi allocati in caveau  in modo da non avere esposizione al rischio credito, ha registrato un grande interesse da parte degli investitori nell’ultimo anno dato che gli investitori hanno ricercato beni rifugio per difendersi dalle attuali turbolenze finanziarie. Quest’anno gli afflussi in questi strumenti sono stati in crescita di 1,6 miliardi di dollari portando il totale asset under management a quota 4,1 miliardi di dollari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Materie prime: ecco il portafoglio in Etc che segna un +84%

Mercati, il petrolio si raffredda dopo l’accordo dell’Opec

Materie prime: ecco il portafoglio in Etc che dimostra resilienza

NEWSLETTER
Iscriviti
X