Guadagnare 25,9 milioni di dollari per perdere il 22%

A
A
A
di Marco Mairate 22 Dicembre 2008 | 15:15
L’endowment della Harvard University, olimpo della cultura a stelle e strisce e la più ricca università degli Stati Uniti, chiude l’esercizio 2008 (al 30 giugno) in positivo ma segna una perdita a doppia cifra a pochi giorni dalla fine del 2008.

Quest’anno la gestione del fondo, al 30 di giugno (chiusura dell’esercizio fiscale per il fondo) si è chiusa con il segno più (+8,6%) ma da quella data in poi il fondo dell’università segna un pesante -22%, elemento che comunque non ha inciso sui supergestori dato che il loro stipendio viene calcolato sull’anno precedente e ammonta complessivamente a 25,89 milioni di dollari.

Tra il team di menti preposte a gestire gli oltre 36 miliardi di dollari del fondo, c’è l’investment officer e managing director per il reddito fisso internazionale, Stephen Blyth (nella foto), retribuito con 6,4 milioni di dollari; tra gli altri manager, Marc Seidner, managing director per il mercato del reddito fisso nazionale, ha intascato 6,3 milioni di dollari; Stanley Zuric, responsabile senior per il mercato azionario domestico, 4,9 milioni di dollari; Steven Alperin, managing director per i mercati emergenti (4,4 milioni di dollari) e Andrew Wiltshire, managing director per il mercato delle materie prime chiude l’anno con 3,9 milioni.

Secondo lo stesso sito della stessa università, il patrimonio del fondo è arrivato a poco meno di 40 miliardi di dollari, un record che permette all’ateneo di tenere dietro molte università rivali. La Yale University, per esempio, ha perso il 25% quest’anno a 5,9 miliardi di dollari mentre Swarthmore College in Pennsylvania ha registrato una perdita di oltre 30 punti percentuali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X