LendingClub: dopo lo scandalo i licenziamenti

A
A
A
Avatar di sharman 29 Giugno 2016 | 10:27

Anche il FinTech fa i conti con la realtà. E in particolare con i numeri.

E’ il caso di Lending Club, una delle più popolari piattaforme mondiali di prestiti online alla clientela retail, che dopo uno scandalo in cui è rimasta invischiata nei mesi scorsi ha deciso di riallineare i suoi costi alla riduzione dei volumi.

Tra le misure adottate, la società di San Francisco ha annunciato anche il licenziamento di 179 dipendenti, pari al 12% della forza lavoro complessiva.

La società (nel cui board siedono anche l’ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Lawrence Summers, e l’ex ceo di Morgan Stanley, John Mack) è alle prese con una crisi di credibilità nei confronti del pubblico dopo che nei mesi scorsi un’indagine interna ha riscontrato la concessione di un prestito a un cliente  in violazione delle procedure interne.

A seguito dell’inchiesta, nel maggio scorso il ceo Renaud Laplanche è stato costretto alle dimissioni, sostituito ad interim da Scott Sanborn, confermato ieri alla guida della società su base permanente.

Lending Club è quotata a Wall Street dal dicembre 2014. Da inizio anno il titolo ha perso il 58% e dalla quotazione, più dell’80%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

NEWSLETTER
Iscriviti
X