Al via Moneysfera: l’osservatorio sull’innovazione finanziaria in Italia

A
A
A
di Marco Barlassina 26 Luglio 2016 | 14:21

Il bisogno delle imprese di strumenti di ricerca capaci di monitorare il cambiamento sociale in ambito finanziario è vicino a trovare una nuova risposta.
Sta infatti per partire il progetto Moneysfera, che nascerà dall’iniziativa di Eumetra Monterosa. I referenti del progetto, che partirà a settembre, sono Fabrizio Fornezza e Gabriella Calvi Parisetti.

Moneysfera punta a a dare risposta alle seguenti domande provenienti dalle aziende:
– che uso fanno gli italiani del denaro? In che modo stanno cambiando le loro abitudini? Come fare per intercettare i nuovi comportamenti? Quali sono le leve competitive per conquistare quote crescenti del loro portafoglio?
– cosa vogliono dal sistema dell’offerta? Più tecnologia o più relazione? Più innovazione di prodotto o più servizi wellness oriented? Più vicinanza o più distacco?
– i nuovi modelli sociali (benessere, equilibrio, preferenza per l’uso dei beni rispetto al possesso materiale, sharing economy, ecc.) stanno dando vita a ricette inedite nel menu degli italiani per quanto riguarda gli strumenti di pagamento, di investimento, di relazione con il mondo finanziario, bancario e assicurativo?
– Quali sono le innovazioni possibili (cioè integrabili con lo stile di vita delle famiglie e che possano migliorarne la qualità) che configurano il futuro della finanza in Italia?

La maggior parte delle ricerche sul mercato finanziario sono nate in anni lontani, per servire mercati profondamente diversi da quelli attuali e misurano tuttora delle realtà “fluide”, quali la soddisfazione d’uso, le esperienze, la fedeltà, l’identificazione, ecc. con la strumentazione metrica in uso in quei periodi (indici più o meno sintetici).

Moneysfera si propone pertanto di essere diverso innanzitutto nel processo, così strutturato:
– Parte dai fondamentali del mercato finanziario (il denaro e le sue rappresentazioni);
– Passa attraverso la rete delle conversazioni sul tema nel mondo web («cosa c’è di nuovo e interessante?»);
– Raggiunge e quantifica la diffusione reale dell’innovazione nel mercato (indagine quantitativa periodica);
– Si affaccia sul futuro con la fase dei concept test.

Il tutto con integrazione delle metodologie, partnership di competenze, un team di ricercatori specialisti dell’area finanza, e l’intenzione di fornire il servizio a costi leggeri e con tempi di esecuzione veloci.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X