L’importanza del digitale per i wealth manager

A
A
A
Avatar di Redazione6 dicembre 2016 | 12:29

Quattro fattori interconnessi stanno cambiando il settore del wealth e investment management: le aspettative del cliente, la regolamentazione, la tecnologia e la concorrenza. La digitalizzazione può aiutare le istituzioni finanziarie a superare le sfide poste da questi driver. Questo è il presupposto condiviso da influencer, analisti di settore e clienti durante la seconda International Customer Conference ospitata da Objectway ad Amsterdam.

Stephen Wall, senior analyst di Aite, ha mostrato come questi quattro fattori abbiano messo in evidenza le inefficienze di modelli di business, processi e infrastrutture tecnologiche. Scorgendo l’opportunità di cambiare il mercato, player innovativi stanno dettando la strada per il modello di wealth management del futuro, basato sulla centralità del cliente.
“La differenziazione del servizio a seconda del tipo di clientela e del comportamento dell’investitore sarà la chiave per garantire un’experience personalizzata, dalla fase di engagement, alla consulenza, alla gestione degli investimenti basata su obiettivi, realizzando un servizio completo e coerente,” ha affermato Wall.

Chris Skinner, top FinTech influencer, ha illustrato come da un lato le FinTech company stiano scardinando il predominio degli operatori finanziari tradizionali, mentre dall’altro possano rappresentare l’occasione per rinnovare l’intero mondo dei servizi finanziari.
“Digitalizzare significa ripensare completamente il wealth management per l’era di internet, re-immaginando come offrire servizi finanziari attraverso la tecnologia. Le banche che riusciranno a farlo in modo efficiente e veloce riusciranno a rimanere sul mercato,” ha affermato Skinner.

Tra le istituzioni finanziarie che hanno già abbracciato la digitalizzazione in molteplici aspetti della loro attività, ci sono AzimutCheBanca!, Investec e Rabobank, che hanno condiviso le iniziative di successo realizzate utilizzando le soluzioni di Objectway.

L’International Customer Conference è stata anche l’occasione per presentare i risultati dell’indagine “Digital Engagement and Collaboration in Wealth and Investment Management. The Hype, the Reality and the Future” realizzata da Efma e Objectway secondo la quale le funzionalità di engagement e collaborazione digitali che cresceranno di più in due anni saranno tutte relative all’interazione. L’adozione di strumenti di robo e hybrid advisory registrerà la crescita più alta in due anni, rispetto ad altri strumenti di gestione degli investimenti on-line.

Luigi Marciano, CEO di Objectway, ha evidenziato che “la digitalizzazione dovrebbe portare alla crescita del business, in ultima analisi”. “A tal fine, le istituzioni finanziarie devono gestire l’esperienza del cliente e i processi aziendali in maniera digitale e integrata. Le prospettive condivise durante la nostra conferenza possono indirizzare le scelte strategiche del settore del wealth e investment management.”


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Reclutamenti, Azimut spinge sul Triveneto

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Azimut, si conclude il master sul passaggio generazionale

Azimut a Palazzo Mezzanotte, pronta per la nuova sfida

Azimut, impennata degli afflussi

Reti, quando il private equity diventa retail

Azimut mette nel mirino Banca Generali

Azimut si mette in mostra all’ombra del Vesuvio

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

Azimut, largo alle donne nella rete

Azimut, alleanza con Passera

Azimut: raccolta sopra i 2 miliardi e un nuovo acquisto

Azimut, in cerca di partner e sulla rotta giusta

Azimut: Giuliani si gode la sua rivincita

Azimut, la domanda senza risposta

Azimut, inizia la svolta sulle fee

Reti Champions Leaugue: Foti-Rebecchi, duello per la vetta

Azimut, faro su Londra

Consulenti, Mei saluta Deutsche Bank e guarda oltre

Intesa e Azimut, stretta di mano per i servizi ai cf

Azimut: per Giuliani il bello deve arrivare

Azimut Libera Impresa, è tempo di prequel

Prosegue lo sviluppo della rete Banco Desio

Azimut, vincenti perché indipendenti

Azimut fa compagnia a Gasperini

Azimut, impennata di utili e ricavi

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Azimut, Fineco e Banca Generali: le sorelle dalla super crescita

Azimut, sarà una trimestrale da sogno

Consulenti, così si lavora in Azimut

Caccia grossa nel risparmio gestito

Azimut, un’Idra a 5 teste

Ti può anche interessare

Blockchain a passo di leasing

Tutto pronto per il Salone del leasing, che avrà come focus il business matching e l'innovazione di ...

Pagamenti online più facili e veloci con Adyen

Sbarca in Italia la fintech olandese, protagonista di una delle più grandi Ipo di tecnologia degli ...