L’importanza del digitale per i wealth manager

A
A
A
Avatar di Redazione6 dicembre 2016 | 12:29

Quattro fattori interconnessi stanno cambiando il settore del wealth e investment management: le aspettative del cliente, la regolamentazione, la tecnologia e la concorrenza. La digitalizzazione può aiutare le istituzioni finanziarie a superare le sfide poste da questi driver. Questo è il presupposto condiviso da influencer, analisti di settore e clienti durante la seconda International Customer Conference ospitata da Objectway ad Amsterdam.

Stephen Wall, senior analyst di Aite, ha mostrato come questi quattro fattori abbiano messo in evidenza le inefficienze di modelli di business, processi e infrastrutture tecnologiche. Scorgendo l’opportunità di cambiare il mercato, player innovativi stanno dettando la strada per il modello di wealth management del futuro, basato sulla centralità del cliente.
“La differenziazione del servizio a seconda del tipo di clientela e del comportamento dell’investitore sarà la chiave per garantire un’experience personalizzata, dalla fase di engagement, alla consulenza, alla gestione degli investimenti basata su obiettivi, realizzando un servizio completo e coerente,” ha affermato Wall.

Chris Skinner, top FinTech influencer, ha illustrato come da un lato le FinTech company stiano scardinando il predominio degli operatori finanziari tradizionali, mentre dall’altro possano rappresentare l’occasione per rinnovare l’intero mondo dei servizi finanziari.
“Digitalizzare significa ripensare completamente il wealth management per l’era di internet, re-immaginando come offrire servizi finanziari attraverso la tecnologia. Le banche che riusciranno a farlo in modo efficiente e veloce riusciranno a rimanere sul mercato,” ha affermato Skinner.

Tra le istituzioni finanziarie che hanno già abbracciato la digitalizzazione in molteplici aspetti della loro attività, ci sono AzimutCheBanca!, Investec e Rabobank, che hanno condiviso le iniziative di successo realizzate utilizzando le soluzioni di Objectway.

L’International Customer Conference è stata anche l’occasione per presentare i risultati dell’indagine “Digital Engagement and Collaboration in Wealth and Investment Management. The Hype, the Reality and the Future” realizzata da Efma e Objectway secondo la quale le funzionalità di engagement e collaborazione digitali che cresceranno di più in due anni saranno tutte relative all’interazione. L’adozione di strumenti di robo e hybrid advisory registrerà la crescita più alta in due anni, rispetto ad altri strumenti di gestione degli investimenti on-line.

Luigi Marciano, CEO di Objectway, ha evidenziato che “la digitalizzazione dovrebbe portare alla crescita del business, in ultima analisi”. “A tal fine, le istituzioni finanziarie devono gestire l’esperienza del cliente e i processi aziendali in maniera digitale e integrata. Le prospettive condivise durante la nostra conferenza possono indirizzare le scelte strategiche del settore del wealth e investment management.”


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, il private asset diventa democratico

Azimut, gennaio da sballo per la raccolta

Azimut, ecco perché ha aumentato (e aumenterà) gli utili

Consulenti, una Academy per i giovani che fa discutere

Azimut, uno sguardo tecnico

Martini (Azimut): quante perle tra le piccole imprese

Azimut, tante grazie ai consulenti

Azimut, come sarà il 2020 sui mercati

Reti, un anno da Cani

Giuliani (Azimut): “Così abbiamo battuto ogni record e cresceremo ancora”

Azimut, la festa dei 30 anni. Intervista a Pietro Giuliani

Azimut, le ragioni di un trionfo

Banche e reti, in Borsa è stato un anno da leoni

Azimut, un saluto commosso a Tardelli

Azimut, Giuliani e oltre 300 motivi per essere felici

Azimut, nasce la struttura dedicata ai super ricchi

Azimut, Goldman Sachs sale nel capitale

Azimut, due super consulenti per la Lombardia

Azimut, il sogno americano

Azimut, Fitch rivede al ribasso il rating

Azimut, raccolta positiva e cambio in vista per le fee

Reti Champions League: quarti da urlo, ecco chi passa alle semifinali

Azimut, maxi prestito da 500 milioni di euro

Azimut, sua maestà il dividend yield

Azimut, una newco americana per gli alternativi

Azimut, 30 candeline alla faccia dei gufi

Banca Generali mette il turbo sulla consulenza evoluta

Azimut, 7 miliardi di motivi per essere sostenibili

Anasf, due nuovi appuntamenti sul territorio

Azimut, la raccolta 4.0

Azimut, un utile straripante

Azimut, rendimenti a doppia cifra con le Pmi

Azimut, i nuovi piani dopo Ali Expo

Ti può anche interessare

Blockchain a passo di leasing

Tutto pronto per il Salone del leasing, che avrà come focus il business matching e l'innovazione di ...