Assicurazioni auto: entro il 2020 il 17% saranno digitali

A
A
A
di sharman 2 Gennaio 2017 | 16:27

Quale può essere la dimensione del mercato delle assicurazioni auto digitali? Chi sono i potenziali clienti? Come si potrebbe rendere più interessante l’offerta proposta dalle assicurazioni?

Per rispondere a queste domande Deloitte ha intervistato circa 15.000 clienti in Austria, Belgio, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Polonia, Olanda, Spagna, Svizzera e Regno Unito.

Ecco di seguito i principali risultati dell’indagine:

  • Elevato mercato potenziale
    Entro il 2020 la quota di assicurazioni auto digitali complessivamente emesse negli 11 Paesi del panel potrebbe raggiungere il 17%, un mercato potenziale con un valore superiore ai 15 Mld€ (27% in Italia, potenziale di 3,5 Mld€ di raccolta premi al 2020)
  • Churn Rate in aumento
    Il 15% in più di intervistati europei, rispetto alla survey 2015, ha risposto di essere disposto a cambiare compagnia assicurativa entro un anno. Il churn rate dei clienti è per questo  salito da 3,7 a 4,5 punti su un massimo di 10 (+22%)
  • Telematica sempre più presente, ma con offerte standard
    Continua accelerazione verso la standardizzazione del prodotto telematico sul mercato assicurativo (oltre 4,5 milioni di black box in Italia, + 50% vs 2014) rispetto a una richiesta di differenziazione innovativa dell’offerta in ambito auto da parte dei clienti
  • Da logiche di sconto a logiche di servizio
    Mediamente oltre il 50% del campione italiano è interessato a servizi aggiuntivi in cambio di condivisione di dati proprietari. Per costruire un’offerta assicurativa innovativa è necessario passare da logiche si sconto a logiche di servizio a valore aggiunto
  • Clusterizzazione mirata della clientela
    Le assicurazioni devono customizzare l’offerta in base alla tipologia di cliente per essere commercialmente più efficaci. Deloitte ha individuato 6 cluster di clientela1 a livello Europeo per i quali deve essere creata una strategia specifica
  • Servizi aggiuntivi auto
    In media l’87% degli italiani ha espresso una preferenza positiva per i primi 5 servizi aggiuntivi auto proposti nella survey (assistenza stradale gratuita, notifica furto/ritrovamento auto, assistenza automatica in caso di emergenza, cambio olio/servizi assistenza auto gratuiti e parcheggio gratuito)
  • Condivisione dei dati
    Gli Italiani con circa il 70% di risposte favorevoli sono più propensi rispetto alla media del campione europeo (60%) alla condivisione di dati in ambito auto con società come: banche, assicurazioni, società in cui lavorano, agenti assicurativi
  • Fiducia nelle assicurazioni
    Il livello di fiducia che gli italiani hanno nei confronti delle assicurazioni è molto forte. Il 73% degli italiani è favorevole/mediamente favorevole alla condivisione dei dati con la propria assicurazione che risulta essere al 2° posto dietro alla società di lavoro del singolo intervistato e davanti alle banche.
 Cosa possono fare le compagnie
  • Il mercato auto telematico italiano ha un potenziale in termini di volumi molto alto (potenziale di 3,5 Mld€ di raccolta premi al 2020)e le compagnie assicurative devono scegliere una strategia efficace per poterne sfruttare totalmente le potenzialità
  • Per avvicinare i clienti alla sottoscrizione di polizze telematiche, sono necessari servizi innovativi su misura, possibilmente legati al mondo auto (es. assistenza stradale gratuita, manutenzione gratuita,..) oltre alle semplici scontistiche
  • Il primo passo da fare, per le assicurazioni, è quello di clusterizzare in modo efficace il proprio portafoglio clienti e poi offrire il servizio giusto al giusto cliente
  • Queste mosse, se applicate in modo corretto, possono rappresentare a nostro avviso una valida alternativa alla pura “guerra di prezzo” che nel mercato assicurativo è ancora la strategia più comune.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Assicurazioni, rivoluzione Intelligenza Artificiale

Allianz, tutto fatto per Aviva Italia

Mercati, assicurazioni europee: ecco le top picks di JP Morgan

NEWSLETTER
Iscriviti
X