Linear e Diginventa lanciano il primo BOT per l’RC Auto su Facebook Messenger

A
A
A
Avatar di ferrario9 febbraio 2017 | 13:44

E’ finalmente attivo il primo esempio italiano di conversational advertising in cui un BOT, mentre intrattiene l’utente in una chat su Messenger, si interfaccia a dei servizi software in grado di generare e proporre un preventivo RC Auto al potenziale cliente.

Per BOT si intendono in sostanza dei risponditori automatici (su piattaforma web o di messaggistica) in grado di interpretare tramite l’intelligenza artificiale i contenuti delle domande che gli vengono rivolti e di trovare una risposta.

Il BOT, del quale Diginventa ha sviluppato il concept e realizzato il software, è disponibile su Messenger e agganciato alla pagina Facebook di Linear Assicurazioni: il BOT si attiva automaticamente attraverso le campagne di retargeting di Linear su Facebook.diginventa_linear-bot2

L’utente deve inserire soltanto targa dell’auto e data di nascita del proprietario per ricevere direttamente in chat il prezzo proposto per la polizza. Cliccando sulla proposta viene reindirizzato sul sito di Linear, direttamente nella pagina di salvataggio e acquisto del preventivo.

«Sono mesi che leggiamo articoli in cui si parla dei chatbot come la prossima frontiera del digital engagement» afferma Federico Anastasia, responsabile Digital e Marketing operativo di Linear Assicurazioni: «abbiamo scelto di renderla attuale con Diginventa, nostro tradizionale partner quando si tratta di sperimentare innovazione in ambito digital. La campagna a target su Facebook ci permetterà un‘analisi puntuale della sua efficacia in termini di ROI: come sempre, andremo a misurare i ritorni di questo nuovo mezzo verificando la sostenibilità dei costi di acquisizione e il gradimento dei clienti».
Per Paolo Faranda, fondatore e presidente di Diginventa, «i BOT daranno soddisfazioni… Linear ci ha consentito di lavorare sull’ideazione e lo sviluppo di un vero e proprio servizio, non una banale conversazione con percorsi di domande risposte preimpostati. Dal 2004 (fino a dicembre scorso con il nome Digintel) il nostro core è l’innovazione digitale e su questi temi non improvvisiamo: lavoriamo ai BOT fin dal 2015 e, grazie a un bando per un progetto di ricerca e innovazione, lo scorso anno abbiamo realizzato una piattaforma di generazione di BOT per Telegram. I campi di applicazione di questi nuovi canali di user experience conversazionale, interfacciati da sistemi di intelligenza artificiale e motori semantici in grado di interpretare il linguaggio naturale, sono infiniti: da sistemi di customer care a servizi di geolocalizzazione in mobilità, al conversational commerce, tema su cui stiamo lavorando proprio in queste settimane per il prossimo BOT che rilasceremo a breve ancora su FB Messenger».


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Italia, meno prestiti alle imprese e bot più cari

Bot e Btp, la grande fuga

I bot vanno a segno, spread ancora giù

Ti può anche interessare

Blockchain a passo di leasing

Tutto pronto per il Salone del leasing, che avrà come focus il business matching e l'innovazione di ...

Pagamenti online più facili e veloci con Adyen

Sbarca in Italia la fintech olandese, protagonista di una delle più grandi Ipo di tecnologia degli ...