“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

A
A
A
Avatar di Federico Morgantini10 febbraio 2017 | 16:18

In Italia abbiamo un bar ogni pochi metri, nelle città come nei piccoli centri, tanto che Starbucks sta entrando nel nostro Paese solo adesso (prima apertura in Pizza Duomo a Milano in primavera), perché ha sempre pensato che la concorrenza fosse spietata.

Ma non è così nel resto del mondo, dove la grande catena di coffee-shop è presente in modo pervasivo con oltre 25.000 caffetterie.

In Cina Starbucks è praticamente “sinonimo” di caffè, infatti qui è arrivata quando ancora si beveva solo tè, e adesso ha ben 2.500 negozi, di cui circa metà posseduti direttamente e gli altri in franchising, in oltre 100 città.

Con tali numeri, trovare canali di marketing vincenti può fare veramente la differenza, e in Cina non c’è niente che funzioni meglio del digital.

È così che Starbucks nel 2016 ha fatto un accordo con Tencent, il fondatore e gestore di WeChat, il sistema di instant message con 846 milioni di utenti attivi mensilmente (al gennaio 2017).

Il primo step a fine 20016 è stato consentire in tutti i negozi il pagamento mediante WeChat-Wallet, il borsello elettronico super performante di questa App.

Ma è del 10 febbraio 2017 l’annuncio di un’operazione di marketing eccezionale, che potrà avere un successo virale e portare risultati eccezionali.

Gli utenti WeChat, grazie al loro Wallet, possono regalare (o meglio lasciare pagato, “sospeso”) un caffè per gli amici. Questi ricevono il dono sotto forma di un QR-code da presentare in una qualunque delle caffetterie Starbucks e godersi il caffè gratuitamente.

E volendo non solo questo, il sistema permette di regalare anche altri prodotti e le digital promotion card presso tutti i negozi Starbucks nel Paese.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bnp e Deutsche Bank cavalcano il Dragone

Dazi, è guerra senza sosta

Cina, dazi per 75 miliardi sui prodotti USA. Borse in calo

Dazi, la Cina risponde svalutando lo yuan

Il Dragone si mangia gli Usa

Copa America dei mercati, il Cile è una squadra su cui puntare

Trump, accordo a breve con la Cina

Cina, la regina dei mercati emergenti

Borse in affanno, Trump rompe con la Cina

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Usa-Cina: tensione sul filo di lana

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

Fidelity: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

Ti può anche interessare

Blockchain a passo di leasing

Tutto pronto per il Salone del leasing, che avrà come focus il business matching e l'innovazione di ...