Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

A
A
A
Avatar di Federico Morgantini21 marzo 2017 | 08:38

Più volte iFinance si è interessata alle banche cinesi e alla loro veloce evoluzione e digitalizzazione: dai robot nelle filiali a banche totalmente virtuali e solo mobile. Ma fino adesso erano state più analisi di tendenza che non quantitative.

Finalmente, lo scorso 18 Marzo, sono stati pubblicati dei dati interessanti da Xinhua, l’agenzia di stampa ufficiale cinese. L’analisi si limita alle zone rurali della Cina, che comunque accolgono ancora il 46% della popolazione, infatti il tasso di urbanizzazione in Cina è ancora molto basso [54% contro oltre il 65% dei paesi fortemente sviluppati].

Nel 2016 sono stati 373 milioni gli abitanti delle zone rurali cinesi che hanno effettuato pagamenti con applicazioni di “mobile banking”, con un incremento del 35% sul 2015, secondo i dati della banca centrale: People’s Bank of China (PBOC). Le operazioni hanno avuto un valore complessivo pari a 23.400 Miliardi di Yuan (3,4 Miliardi di USD), in crescita del 71%. Il numero di transazioni è aumentata del 62% a 5,1 Miliardi, sempre secondo i dati della PBOC.

Il “mobile banking” ha registrato in assoluto la crescita più rapida tra i metodi di pagamento non tradizionali nella Cina rurale, con “online banking” stagnante e “telephone banking” significativamente ridimensionato.

Per i residenti in aree sottosviluppate o remote è costoso e richiede tempo raggiungere le banche o i bancomat, così è intuitivo che il “mobile banking” stia diventando sempre più utilizzato nelle zone rurali cinesi. Benché in tali aree esistono 1,4 sportelli bancari e 3,8 bancomat ogni 10.000 abitanti [per un totale di 126.700 filiali e 343.900 bancomat].


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Copa America dei mercati, il Cile è una squadra su cui puntare

Trump, accordo a breve con la Cina

Cina, la regina dei mercati emergenti

Borse in affanno, Trump rompe con la Cina

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Usa-Cina: tensione sul filo di lana

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

Fidelity: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

Fintech PapaNatale in Cina

McCabe (Aberdeen Am): “Cosa aspettarsi sul mercato dei bond cinesi”

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

In Cina lanciato megafondo Fintech da 1,5 miliardi di dollari

Ti può anche interessare

Pagamenti online più facili e veloci con Adyen

Sbarca in Italia la fintech olandese, protagonista di una delle più grandi Ipo di tecnologia degli ...

Blockchain a passo di leasing

Tutto pronto per il Salone del leasing, che avrà come focus il business matching e l'innovazione di ...