Gli italiani e l’investimento in Bitcoin

A
A
A
di Redazione1 giugno 2017 | 11:35

Gli investitori Italiani non stanno approfittando dall’attuale trend rialzista del Bitcoin (BTC). La ricerca condotta da EXANTE, società europea fin-tech,  mostra che gli italiani sono i meno rappresentati tra gli investitori in Bitcoin e tendono a snobbare le criptovalute a favore degli investimenti tradizionali. I traders russi e britannici, invece, hanno preso grandi posizioni, così come americani e i cinesi, che stanno traendo profitto dagli attuali rialzi della quotazione.

 Il valore del Bitcoin ha raggiunto quote astronomiche nel corso dell’ultimo anno, grazie anche a fattori politici come le elezioni francesi, il referendum italiano, la presidenza di Trump e la Brexit, che hanno portato il prezzo a quasi 2800 dollari a fine maggio. EXANTE, nel 2012, è stata la prima ad offrire ad investitori istituzionali ed  individuali altamente capitalizzati un accesso al mercato Bitcoin attraverso la sua piattaforma. Questo fondo attualmente gestisce più di 25 milioni di dollari.

Dai dati di EXANTE risulta che i maggiori investitori nel fondo Bitcoin, in ordine decrescente, sono: Ucraini, Russi, Israeliani, Inglesi, Spagnoli e Svizzeri; mentre le attività provenienti dall’Italia sono statisticamente insignificanti.

«Credo che questo sia in parte dovuto ad un fattore culturale», ha commentato Stefano Roperti. Gli italiani tendono ad essere conservatori, investono cautamente e principalmente sulle “vecchie valute”. Ciò significa che a volte perdono occasioni uniche di alta volatilità. Traders provenienti da luoghi come Londra e Mosca tendono, invece, ad investire in nuovi tipi di assets e hanno maggiori probabilità di imbattersi in occasioni molto più profittevoli come il Bitcoin.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il libretto in Bitcoin rende fino al 16%

Blockchain e consumi alle stelle

Bitcoin, arrivano le criptotasse

Lusso al polso e pagamento in Bitcoin

Primi al traguardo con i Bitcoin

La blockchain oltre il bitcoin, rivivi il webinar

La vigilanza ha fallito

Escort e porno, le nuove frontiere dei Bitcoin

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

Dossier fiscale Bitcoin – La questione del riciclaggio

Investimenti, le criptovalute tra minaccia e opportunità

Bitcoin, quante insidie nella moneta virtuale

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini dell’IVA

Dossier fiscale Bitcoin – I riferimenti del regime fiscale

Dossier fiscale Bitcoin – Introduzione

Il Bitcoin subordinato

Consob, occhio al “Bitcoin code”

Bitcoin nel mirino in Francia

Bitcoin e fondi, questo matrimonio non s’ha da fare

Miliardari coi Bitcoin, storia dei fratelli Winklevoss

Esma: “Occhio ai rischi delle criptovalute”

Miccoli (Conio): “I bitcoin? Meglio destinarvi non più dell’1,5% del portafoglio”

Bitcoin, nasce il primo fondo che investe in critptovalute

Bitcoin, mille bancomat in Italia

La corsa del bitcoin? Colpa (o merito) degli hedge fund

Bill Miller, l’ex manager di Legg Mason che punta sui Bitcoin

Il bitcoin? È una truffa. O forse no

Cresce la moda dei cripto-hedge fund

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Goldman Sachs analizza le criptovalute

Swissquote adotta i Bitcoin

Falcon Pb punta sui Bitcoin

Ti può anche interessare

Milano, taglio del nastro per il Fintech District

Si tratta della prima area urbana dedicata alle imprese e alle startup che lavorano per fondere la t ...

Oracle e Bank of America scelgono l’app italiana Mobysign

In Italia, Mobysign è stata già adottata per il pagamento istantaneo della spesa presso tutte le c ...

Bonsignore (Mobysign): “Pagare con smartphone ora è facile e veloce”

Il ceo di Mobysign illustra a Bluerating.com le caratteristiche dell'app, già scelta da Coop e Orac ...