Fondi comuni – Le opportunità delle utility di Ecofin

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 9 Febbraio 2009 | 10:50
Dal lancio del 2002 il fondo Ecofin Water & Power Opportunities registra una performance del 230%, rispetto ad un banchmark di riferimento quasi stazionario. Attualmente la quotazione a sconto sul Nav potrebbe presentare una buona occasione?

E’ capitato di vedere performance interessanti da parte di taluni fondi comuni, anche all’interno del deprimente contesto economica attuale. Si pensi ad esempio ad alcuni fondi specializzati nelle nuove tecnologie e/o nella sustainability. Il caso di oggi è il fondo Ecofin Water & Power Opportunities, che ha presentato una performance cumulata (comprensiva cioè del reinvestimento dei dividendi) del 230% a partire dal 2002, rispetto ad un incremento dell’indice Msci World limitato al 3%.

Il fondo comune (come facilmente intuibile dal nome) investe in servizi di pubblica utilità, puntando molto sull’utilizzo della leva (attualmente investe il 133% del capitale a disposizione). I gestori di Ecofin si sono posizionati correttamente sul mercato, privilegiando i settori più protetti dalla regolamentazione tariffaria e le compagnie con bilanci solidi (in grado, cioè, di autofinanziarsi); di conseguenza la porzione di portafoglio allocata alla small cap è stata ridotta al minimo. Inoltre i manager hanno fatto ricorso frequentemente ai derivati, sia per proteggere gli asset, sia per incrementare gli utili attraverso la vendita di opzioni call su posizioni in essere. Il settore elettrico è quello più rappresentato, con il 72% del nav, mentre a livello geografico è previsto che gli investimenti al di fuori dei paesi dell’ocse non superino il 20%. Allo stesso modo  I titoli non quotati possono raggiungere al massimo un quarto del patrimonio.

L’ultimo anno è stato pesante anche per questa realtà, con una perdita intorno al 50%; rimane comunque positivo però l’incremento rispetto alla data di lancio, come precedentemente indicato. Conseguentemente per gli analisti ritengono che il fondo presenti un appeal speculativo, essendo scivolato a sconto del 25% sul valore effettivo. Stando a quanto riportato su Borsa & Finanza da Simon Elliot (direttore della ricerca sui fondi chiusi per Winterflood Securities) “Il 2009 sarà un anno molto difficile in borsa. Le utilità, invece, mettono sul piatto la difensività degli utili, dei dividendi elevati e sostenibili, nonché valutazioni ai prezzi attuali molto interessanti”.  Pubblica utilità di investimento e di intenti, sembrerebbe.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ecofin boccia quota 100

Manovra, va avanti la procedura Ue contro l’Italia

Ecofin promuove la manovra italiana e dà il via libera all’Estonia in Eurozona

NEWSLETTER
Iscriviti
X