Fondi comuni: ex dirigenti Aldus lanciano il fondo sui manager

A
A
A
di Matteo Chiamenti 21 Gennaio 2009 | 09:00
Tre ex dirigenti della nota società di gestione Aldus Equity, hanno deciso di costitutire un fondo specializzato nell’investimento in managers emergenti. Il varo di questo progetto è previsto per i primi mesi del 2009.

La finanza mondiale sta senza dubbio domandandosi come possa avvenire il rilancio del risparmio gestito. Dopo la crisi dei modelli classici di investimento, basati essenzialmente capitali di società quotate e/o su contratti derivati, si sta arrivando pian piano a valorizzare prodotti che puntano all’aspetto “umano”, dando spazio per esempio ad imprese caratterizzate da meriti in ambito sociale. Ma capita anche che un gruppo composto da tre ex dirigenti della società di gestione Aldus Equity, decida di puntare “materialmente” sulle persone.

Il team guidato da Marcello Taylor, ex partner Aldus (lasciata circa un anno fa), sta per avviare una nuova impresa di private equity focalizzata sugli investimenti in giovani managers emergenti (a questa specifica categoria apparterranno tutte quelle persone che hanno saputo distinguersi in ambito di gestione, pur senza guidare direttamente un fondo né avere track records esistenti).

L’obiettivo di questa particolare idea (tuttavia non nuova, dato che i fondi “in persone” esistono già), è di attirare gli investitori più aperti alle nuove frontiere dell’investimento, che magari possono considerare un’opportunità migliore una scommessa in un prodotto di questo tipo piuttosto che  il mettere soldi all’interno di fondi mega-buyout, che stanno tra l’altro attraversando un periodo tutt’altro che roseo.

Fonti vicine al gruppo, sostengono che Taylor, e i suoi partner Kevin Sample e Wayne Greene,  saranno pronti ad inaugurare la loro nuova avventura già nei primi mesi del 2009. Si attende la risposta degli investitori.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: il Dollaro è di Credem

Top 10 Bluerating: Lyxor regina della finanza

Top 10 Bluerating: Schroders si prende la Gran Bretagna

NEWSLETTER
Iscriviti
X