Fondi comuni: Investimenti e Sviluppo acquisisce Eurinvest

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 19 Gennaio 2009 | 11:00
Investimenti e Sviluppo Spa comunica l’avvenuto accordo per l’acquisizione di Eurinvest Sgr Spa. Si aprono nuove opportunità di crescita per la giovane società quotata.

Tramite una nota nella giornata di oggi, la società quotata Investimenti e Sviluppo Spa, ha comunicato di aver sottoscritto (in data 16 Gennaio 2009) un contratto preliminare con Eurinvest Finanza Stabile Spa, holding finanziaria e di partecipazioni, per l’acquisizione del 100% di Eurinvest Sgr Spa, società di gestione del risparmio autorizzata all’attività di promozione e gestione di fondi comuni d’investimento di private equity/distressed e immobiliari, nonché all’asset management. Il contratto prevede la cessione da parte di Eurinvest Finanza Stabile a Investimenti e Sviluppo dell’intero capitale sociale di Eurinvest Sgr, costituito da 4.500.000 azioni ordinarie del valore nominale di 1 euro per azione, ad un corrispettivo di 4,5 milioni di euro di cui 1,5 milioni da corrispondere contestualmente alla firma del contratto preliminare, a titolo di caparra confirmatoria e 3 milioni al saldo.

La nota indica che Roberto Capovolpe, già guida di Eurinvest Sgr Spa, riveste la carica di vice presidente di Investimenti e Sviluppo Spa. Naturalmente, l’esecuzione effettiva dell’operazione è subordinata subordinata all’ottenimento, nei termini di legge, delle necessarie autorizzazioni da parte di Banca d’Italia e delle Autorità competenti. A tal proposito, Investimenti e Sviluppo provvedera’ entro breve a inoltrare a Banca d’Italia formale istanza.

Nata nel 2006, Investimenti e Sviluppo Spa è una Holding di partecipazioni industriali che opera a livello europeo. Gli investimenti principali avvengono in aziende di piccole e medie dimensioni al fine di favorirne lo sviluppo e la crescita, anche tramite consulenza in finanza strategica. L’acquisto di Eurinvest sicuramente denota una buona vivacità della società e probabilmente offre nuove opportunità di crescita; il fatto di essersi allontanati dalla tipica acquisizione nell’ambito della piccole e medie aziende per virare nell’ambito delle sgr che operano con fondi, può magari essere visto come un azzardo, tuttavia le presenti interrelazioni tra le due società protagoniste dell’accordo (si pensi a Roberto Capovolpe) porta a prevedere un buon esito dell’operazione.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

NEWSLETTER
Iscriviti
X