Definito il manuale per Ucits IV

A
A
A
di Matteo Chiamenti 2 Marzo 2009 | 12:15
Il documento “Risk management principles for Ucits” è stato recentemente approvato. Scopriamolo insieme.

Il 24 febbraio 2009 potrebbe rivelarsi una data di fondamentale importanza. Se è vero che più della normativa, conta la comprensione della stessa. Infatti, nel corso della riunione plenaria del Cesr (Committee of European Securities Regulators), l’organo di coordinamento tra le autorità di vigilanza sui mercati finanziari dei Paesi Ue, di cui la Consob fa parte, che si è tenuta a Parigi  per l’appunto il 24 febbraio, è stato approvato il documento che definisce le linee guida alle quali dovranno attenersi i gestori dei fondi comuni di investimento nella valutazione e gestione dei rischi. Il documento (Risk management principles for Ucits) è stato elaborato dal gruppo di esperti sul risparmio gestito del Cesr presieduto dal presidente della Consob, Lamberto Cardia.

Un documento che si presenta piuttosto articolato. Al suo interno sussistono diverse sezioni: un’introduzione, un paragrafo dedicato alle definizioni, un ampio background normativo, cui segue l’elencazione dei rischi rilevanti per i gestori dei fondi comuni. Infine un’ampia sezione finale riporta le proposte di misure di “livello 3”, tra le quali si segnalano quelle concernenti l’attività di vigilanza esercitata dalle competenti autorità di controllo, all’organizzazione delle procedure di gestione del rischio, all’identificazione dei fattori di rischio e la misurazione del loro impatto potenziale sulla gestione, alle attività di monitoraggio e di reporting periodico.

Inoltre, insieme a questo prospetto è stata approvata la bozza di un documento di consultazione su alcune questioni tecniche relative al cosiddetto “kid” (Kei Information Document), il nuovo documento informativo che si concentra sugli elementi essenziali che l’investitore deve prendere in considerazione prima di acquistare quote di un fondo di investimento. Non resta quindi che la lettura di questi documenti; solo allora si capirà se potranno rivelarsi davvero utili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, First Trust quota all’Euronext la versione Ucits del Nasdaq Clean Edge Green Energy

East Capital lancia la versione Ucits della strategia A-Shares cinese

VanEck consolida i fondi UCITS a gestione attiva ed ETF europei

NEWSLETTER
Iscriviti
X