Polizze – Ebay fa paura agli agenti?

A
A
A
di Matteo Chiamenti 24 Marzo 2009 | 10:00
Unapass, attraverso una lettera all’Isvap, solleva dubbi sulle recenti scelti di offerta di polizze attraverso il meccanismo di Ebay, lanciata da Genertel nei scorsi giorni.

Tutto è partito dalla notizia dell’offerta, tramite asta,  di polizze RC Auto e RC Moto proposta da Genertel. La notizia ha suscitato la reazione degli agenti assicurativi, tanto da portare Unapass (Unione Nazionale di Agenti Professionisti di Assicurazioni) a scrivere una lettera all’Isvap che noi, su autorizzazione della stessa Unapass, riportiamo:

“Con la presente Le formalizziamo la richiesta di voler verificare se l’iniziativa di vendita in oggetto, promossa dalla Compagnia Assicuratrice GENERTEL SpA e pubblicizzata nei giorni scorsi a mezzo stampa, sia in contrasto con gli obblighi di comportamento e deontologici previsti dal Regolamento n. 5 e, più precisamente, se la stessa venga gestita dall’Impresa proponente in ossequio agli obblighi di tutela del Consumatore.
Nella qualità di Associazione di rappresentanza degli interessi degli Intermediari, sensibile al valore della tutela degli Assicurati, riteniamo che siffatta modalita’ svilisca il valore del prodotto / servizio assicurativo della RCA e, focalizzando l’attenzione del Consumatore esclusivamente sul prezzo con il metodo dell’asta online, ne trascura l’importanza dell’adeguatezza del prodotto medesimo, dal momento che non e’ richiesta alcuna informazione preventiva al potenziale “acquirente” in merito alle sue esigenze assicurative, alle caratteristiche del veicolo e del conducente/proprietario.
Riteniamo che siffatta modalità non solo sia in contrasto con i principi del cosiddetto “consenso informato” ma che configuri un’ipotesi non conforme alla correttezza professionale rispetto a quanto richiesto agli Intermediari tradizionali assoggettati in modo rigoroso ad una condotta Altrimenti sanzionabile “.
Tra l’altro stigmatizziamo l’affermazione dell’Amministratore Delegato di GENERTEL SpA, DAVIDE PASSERO, a mezzo stampa, secondo il quale “..Grazie all’asta online il prezzo della polizza non e’ più definito dall’Assicuratore ma è deciso dall’Assicurato stesso” per la quale esprimiamo forte preoccupazione a causa della manifesta mancata rispondenza ai vincoli attuariali e tecnici sui quali la tariffa Auto dovrebbe basarsi per un corretto equilibrio, al principio codicistico del divieto del premio minimo e dello sconto massimo e all’evidente contrasto di quanto viene praticato dalle Compagnie del Mercato che impediscono di fatto agli Intermediari di offrire al Consumatore analoga liberta’ decisionale con il metodo del cosiddetto “monte sconti” Certi di un riscontro di merito , porgiamo cordiali saluti.

Massimo Congiu”

Viene da domandarsi se la lettera sia frutto di una reale convinzione in termini di principi, oppure frutto della paura delle eventuali conseguenze della dematerializzazione dell’offerta. Perchè, si sa, il rischio che uno sviluppo di questo tipo tolga operatività agli agenti è alto. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Polizze, dopo la Brexit arriva il “Big Bang”

Consulenti, l’Italia non è un paese per polizze

Polizze, il superbonus può essere un problema

NEWSLETTER
Iscriviti
X