Fondi comuni, torna la crisi. Mediolanum salva, Pioneer no

A
A
A
di Matteo Chiamenti 6 Aprile 2009 | 11:49
Comunicati da Assogestioni i dati mensili di marzo relativi al mondo del risparmio gestito. Mentre il patrimonio complessivo sembra reggere abbastanza bene, con “solo” 2 miliardi di Euro di contrazione, i deflussi dai fondi aperti tornano a spaventare: sono sopra i 5 miliardi di Euro.

E’ brutto dirlo, ma i deflussi hanno ripreso quota, attestandosi ai livelli di poco superiori a quelli di gennaio (4,9 miliardi di Euro).  C’è però una notizia positiva; se tra gennaio e febbraio il patrimonio complessivo era passato da 397,7  miliardi di euro a 388 del mese scorso, oggi il decremento è sensibilmente inferiore. Merito, principalmente, del comparto estero. Ma passiamo ai dati.

Nel corso del mese di marzo i deflussi dai fondi aperti si fermano a quota 5,1 miliardi di euro. A dispetto di questi riscatti, il patrimonio subisce una contrazione di 2 miliardi di euro, passando dai 388 miliardi dello scorso mese agli attuali 386 miliardi di euro. I dati rilevati dall’associazione evidenziano un aumento complessivo dei deflussi per tutte le categorie censite, ma con dovuti distinguo.

Sono prossimi alla parità i fondi di Liquidità, che registrano riscatti complessivi per 139 milioni di euro (mentre a febbraio era in territorio positivo, con 572 milioni di apporti). La categoria chiude con un patrimonio in crescita rispetto allo scorso mese pari a oltre 87 miliardi di euro, equivalenti al 22,6% del patrimonio complessivo.
 
I prodotti Bilanciati e Azionari registrano rispettivamente 420 e 490 milioni di euro di deflussi, mostrando un dato in discesa rispetto al mese precedente (specialmente per i bilanciati, che erano fermi a quota -143 milioni di Euro). Alla fine del mese il patrimonio dei fondi Bilanciati subisce una leggera flessione rispetto alla precedente rilevazione e si ferma a 16,2 miliardi di euro, il 4,2% del patrimonio. Gli asset dei fondi Azionari sfiorano i 63,9 miliardi di euro, il 16,6% del patrimonio investito in fondi aperti.
 
Praticamente stabili I riscatti per i fondi Hedge, che si interrompono a 677 milioni di euro, contro i 611 di febbraio. Gli asset detenuti dalla categoria, equivalenti al 4,6% delle masse complessive, sono alla fine del mese pari a poco meno di 17,8 miliardi di euro.

Stesso discorso per i fondi Flessibili; nel corso del mese la categoria subisce riscatti per 701 milioni di euro (687milioni a febbraio) e chiude il periodo mettendo sulla bilancia il 12,9% del patrimonio, un dato che vale poco meno di 50 miliardi di euro.
Sono negativi e ampiamente superiori alla somma dei deflussi delle altre categorie i riscatti dai prodotti Obbligazionari. Nel corso del mese i fondi registrati sotto questa bandiera hanno perso oltre 2,7 miliardi di euro. Essi rappresentano alla fine del mese il 39,1% del patrimonio, equivalente a masse per 151 miliardi di euro.

Passando all’area geografica di riferimento
, durante il mese di marzo i deflussi dai fondi di diritto Italiano hanno sfiorato i 3,3 miliardi di euro. Il patrimonio investito nei prodotti domestici promossi da gruppi italiani ed esteri equivale oggi a 204 miliardi di euro, il 52,8% del patrimonio totale investito in fondi aperti.
Fermi provvisoriamente a quota 1,9 miliardi i riscatti dai fondi di diritto Estero. Gli asset stimati totalizzano circa 182 miliardi di euro, il 47,2% del patrimonio dell’intero sistema fondi. Sembra quindi che i prodotti appartenenti a questa categoria abbiano retto meglio alla sfiducia da parte degli investitori.

Nel corso del mese i Gruppi Italiani, che detengono l’82,4% del patrimonio, hanno accusato deflussi per 4,8 miliardi, mentre i Gruppi Esteri, a loro il restante 17,6% degli asset, tornano in territorio negativo con deflussi momentanei per 350* milioni di euro.

Sul fronte societario
sono solo 11 le società capaci di registrare afflussi di patrimonio. I nomi? I soliti noti. I migliori ingressi sono stati registrati dal gruppo Mediolanum, mentre continua il momento problematico di Pioneer Investments, che mostra i deflussi più significativi. Tuttavia appare opportuno specificare, onde evitare equivoci, il dato della società del gruppo Unicredit è in larga parte influenzato da una ricomposizione dei portafogli a favore di prodotti assicurativi, che non sono rilevati nel perimetro Assogestioni ma che Pioneer Investments gestisce. Parallelamente la società sta promuovendo una campagna sui PAC, prodotti caratterizzati da flussi stabili e di lungo periodo ma con impatto relativamente marginale nel breve.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, una raccolta monstre ad agosto. Testa a testa Intesa-Generali

Salone del risparmio, la cronaca della conferenza inaugurale

Raccolta Assogestioni: il miglior semestre degli ultimi quattro anni

NEWSLETTER
Iscriviti
X