Fondi comuni – Tecnologici tonici

A
A
A
Avatar di Roberto Dotti 23 Aprile 2009 | 14:00
Salgono i prezzi delle commodities, nonostante il petrolio perde terreno. I bancari cercano il riscatto.

Sul fronte delle telecomunicazioni Sony Ericsson ha annunciato che chiuderà il primo trimestre dell’anno con una perdita di 293 milioni di euro, in confronto all’utile di 133 milioni registrato nello stesso periodo dello scorso anno. I ricavi sono scesi del 36%. Per far fronte a questi dati di bilancio ha annunciato che adotterà una politica di riduzione dei costi, iniziando a tagliare 2000 posti di lavoro.
Anche Nokia ha visto il proprio utile netto scendere dell’82% a quota 122 milioni di euro. Anche la società finlandese solo lo socrso anno registrava nello stesso periodo un utile di 1,22 miliardi di euro. Quest’anno i ricavi sono calati del 27% a 9,3 miliardi di euro. La recessione ha avuto un forte impatto negativo sugli affari di Nokia: le sole vendite di cellulari sono calate del 19%, riuscendo comunque a mantenere la stessa quota di mercato.
Anche Deutsche Telekom naviga in cattive acque: la crisi economica sta impattando sulle sue attività internazionali più del previsto e si attende per il corrente esercizio un calo dell’Ebidta tra il 2% e il 4%.
Texas Instruments ha registrato un utile di 17 milioni di dollari nel primo trimestre dell’anno, contro i 662 milioni dell’anno prima, registrando comunque risultati migliori delle attese.

Bank of America ha chiuso il primo trimestre dell’anno con un utile netto triplicato, pari a 4,2 miliardi di dollari e ricavi per 36 miliardi di dollari: gli alti ricavi sono dipesi dall’acquisizione della banca Merrill Lynch. La banca aveva beneficiato degli aiuti statali e ha annunciato di aver pagato circa 400 milioni di dollari di dividendi al governo americano.

L’analisi dei migliori e peggiori comparti inclusi nell’area azionari settoriali vede il fondo Sella Global Strategy Internet Fund in vetta alla classifica nella settimana che va dal 16 al 22 aprile con una performance positiva del +3,9%.
Il comparto, lanciato nel luglio 1999, ha registrato una performance YTD positiva +26,2% contro una performance a 3 anni del -9,3%.
Il benchmark di riferimento è l’ Interactive Weekly Internet Index.
Il comparto investe in titoli azionari del settore internet, puntando su società con elevate prospettive di crescita specializzate in settori di già consolidato successo ovvero innovativi.
I MIGLIORI FONDI AZIONARI DAL 16/04 AL 22/04

Valuta fondo percentuale
EURO SELLA GLOBAL STRATEGY INTERNET FUND 3,92%
EURO JB MULTICOOPERATION COMMODITY FUND (EURO) 3,59%
EURO FIDELITY FUNDS – GLOBAL TECHNOLOGY FUND 3,47%
USD JB MULTICOOPERATION COMMODITY FUND (USD) 2,49%
EURO GENERALI A.M. – GLOBAL NEW TECHNOLOGIES 2,13%

I PEGGIORI FONDI AZIONARI DAL 16/04 AL 22/04

Valuta fondo percentuale
EURO ING (L) INVEST NEW TECHNOLOGY LEADERS -22,49%
USD SGAM FUND EQUITIES LUXURY & LIFESTYLE -20,66%
EURO ING (L) INVEST GLOBAL GROWTH -17,60%
EURO ING (L) INVEST PRESTIGE & LUXE -16,87%
EURO JB MULTISTOCK LUXURY BRANDS FUND -13,01%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Agli investitori stranieri oltre la metà delle spa quotate a Milano

Montepaschi, fondi esteri in soccorso, ma solo per…

Fondi comuni – HSBC liquida tre comparti

NEWSLETTER
Iscriviti
X