Match del giorno – Pioneer vs Azimut, azionari Italia

A
A
A
di Matteo Chiamenti 28 Aprile 2009 | 07:50
I protagonisti sono Pioneer Azionario Crescita e Azimut Trend Italia. I numeri della nostra analisi sembrano premiare Azimut e il suo prodotto fortemente flessibile.

GLI STRUMENTI

Ai fini dell’analisi utilizziamo le importanti risorse contenute all’interno del nostro product selector, che ci permette di determinare i fondi confrontabili per categoria di appartenenza (tipologia di prodotto, società di gestione e categoria Bluerating); in particolare, ai fini dell’articolo, sfruttiamo le potenzialità dello strumento confronta prodotti, che ci regala inoltre l’importante apporto grafico in calce alla pagina (che comunque è solo una parte delle varie schermate che si possono ottenere).

I PRODOTTI

La categoria è quella degli azionari Italia. Il primo prodotto è il Pioneer Azionario Crescita. Il portafoglio è investito prevalentemente in strumenti finanziari di emittenti quotati in mercati italiani e con elevate prospettive di crescita. I settori più presenti sono quello energetico (25,3) e quello finanziario (24,3). Obiettivo del fondo è ottenere una significativa crescita del capitale investito nel lungo termine (oltre i 7 anni) con un livello di rischio indicato come alto.

L’altro protagonista della nostra analisi è l’Azimut Trend Italia. Il fondo investe in strumenti finanziari di natura monetaria, obbligazionaria e azionaria. Con riferimento alla componente azionaria, i titoli di norma saranno prevalentemente di emittenti italiani con facoltà di investire in misura significativa in strumenti finanziari di emittenti europei e nord americani. Sul fronte valutario gli strumenti sono denominati in Euro e, in misura significativa, nelle altre valute europee e in dollari USA. E’ possibile detenere titoli azionari anche stabilmente fino al 100% del patrimonio del fondo, il che lo qualifica propriamente come un prodotto azionario. La filosofia di gestione del Fondo è indirizzata a sfruttare i trend di crescita del mercato azionario, sovrappesando gli investimenti nei settori e/o emittenti ritenuti più profittevoli. A tale proposito lo stile gestione tende, nei limiti previsti dalla normativa, a concentrare le scelte su un numero relativamente ristretto di titoli determinando quindi una elevata flessibilità nella costruzione del portafoglio.
Il rischio relativo per l’investitore è molto alto con un orizzonte di investimento di lungo termine.

IL MATCH

Ecco i risultati sulla base di 10 elementi di raffronto riscontrabili all’interno del nostro confronta prodotti e delle schede prodotto.

Rating: Azimut Trend Italia raggiunge il top score, e anche il primo punto.

Performance a 1, 3 e 5 anni
: il prodotto del gruppo di Pietro Giuliani riesce a fare sempre meglio del rivale. In particolare è da apprezzare il contenimento delle perdite nel lungo periodo. Tre punti su tre.

Volatilità a 1 e 3 anni
: un punto a testa. Pioneer Azionario Crescita è meno volatile sul breve mentre Azimut sul lungo (fatto che non sorprende alla luce della performance a 5 anni ed è inoltre da apprezzare considerata la maggiore presenza di azioni in portafoglio).

Commissioni
: match pari punti sul fronte della convenienza. Le commissioni di gestione vanno a Pioneer Azionario Crescita (1,85%  contro 2,5%), mentre quelle di performance premiano Azimut Trend Italia (15,00% contro 25,00%).

Indice di Sharpe
: considerando l’orizzonte a 5 anni (il lungo termine è infatti consigliato per il tipo di investimento) Azimut Trend Italia possiede un indice più elevato, aggiudicandosi il punto.

Indice di Sortino: discorso identico a quello precedente. Anche in questo caso il punto va ad Azimut Trend Italia.




RISULTATO FINALE

Azimut Trend Italia 8
Pioneer Azionario Crescita 2

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X