Fondi comuni – La Bce taglia i tassi di 25 punti base

A
A
A
Avatar di Roberto Dotti 8 Maggio 2009 | 13:30
La maggior parte degli economisti si attendeva un taglio dei tassi da parte della Bce.

Le borse europee hanno iniziato la settimana con una serie di rialzi: in particolare il colosso assicurativo Axa ha registrato un +10,2% in seguito alla smentita di aver bisogno di un nuovo aumento di capitale, il costruttore di automobili Renault ha chiuso in rialzo del 9,7% dopo l’annuncio che chiuderà l’anno con un cash flow positivo, Basf, leader nella chimica, ha chiuso il primo trimestre con un calo degli utili notevolmente inferiore alle attese e il titolo è schizzato del +7,4%.
A Londra hanno brillato in particolare i bacnari e i titoli minerari.
Anche Fiat, che in questi giorni è sulle prime pagine dei giornali per lo shopping che intende fare anche a livello europeo con l’acquisto di Opel e con l’obiettivo di creare un polo europeo dell’auto da 80 miliardi di euro, è salita del 6%.

Ubs conferma un rosso di circa 2 miliardi di franchi nel primo trimestre e si attende, a causa dell’attuale deterioramento dell’economia reale, un impatto negativo sugli accoantonamenti per rischi su crediti nei prossimi trimestri.
Bnp Paribas ha visto calare l’utile del primo trimestre del 21% ma meno delle attese: a sostenere i conti della banca francese c’è stata la ripresa del comparto investment banking. I vertici della società hanno comunque anticipato che ci saranno ulteriori svalutazioni a breve a seguito della recessione economica.

La notizia del fine settimana è poi il taglio dei tassi da parte della Banca Centrale Europea di 25 punti base, portandoli all’1%. Le parole del presidente della Bce sono sempre seguite con ineresse poichè danno imporetanti informazioni sullos tato di salute dell’economia del vecchio continente e sulle future mosse di politica monetaria.

L’analisi dei migliori e peggiori comparti inclusi nell’area azionari settoriali vede il fondo Noreda 1 Central & Eastern European Equity Fund in vetta alla classifica nella settimana che va dal 30 aprile al 7 maggio con una performance positiva del +10,6%.
Il comparto, lanciato nel novembre 2005, ha registrato una performance YTD positiva +31,3% contro una performance a 3 anni del -19,5%.
Il benchmark di riferimento è il MSCI EM Eastern Europe Net return Index.
Il comparto investe almeno due terzi del suo patrimonio netto (ad esclusione dei fondi liquidi) in azioni e in altri titoli affini, come quote di imprese cooperative e certificati di partecipazione (rappresentativi di azioni e diritti azionari), certificati di godimento, warrant su azioni qualificate come valori mobiliari e diritti azionari emessi da società domiciliate o che esercitano una parte importante della loro attività economica nell’Europa centrale e orientale.

I MIGLIORI FONDI AZIONARI DAL 30/04 Al 07/05

Valuta fondo percentuale
EURO NORDEA 1 CENTRAL & EASTERN EUROPEAN EQUITY FUND 10,61%
EURO MS EUROPEAN PROPERTY FUND 10,52%
EURO HHF PAN EUROPEAN SMALLER COMPANIES FUND 10,03%
EURO RINASCIMENTO EUROPEAN EQUITIES 9,02%
EURO HSBC GIF EUROLAND EQUITY SMALLER COMPANIES 8,86%

I PEGGIORI FONDI AZIONARI DAL 30/04 Al 07/05

Valuta fondo percentuale
EURO AVIVA MORLEY PAN EUROPEAN EQUITY FUND 1,33%
EURO AVIVA MORLEY EUROPEAN VALUE EQUITY FUND 1,37%
EURO PIONEER FUNDS – EUROPEAN RESEARCH 2,16%
EURO AMEX EUROPEAN EQUITIES 2,18%
EURO DWS INVEST GERMAN EQUI
TIES
2,26%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Agli investitori stranieri oltre la metà delle spa quotate a Milano

Fondi comuni – HSBC liquida tre comparti

Fondi comuni – preoccupano le condizioni dell'economia

Fondi comuni – Barclays vende la divisione BGI

Fondi comuni – Fiducia ancora debole sui mercati asiatici

Fondi comuni – America positiva

Fondi comuni – rialzi europei

Fondi comuni – settimana positiva nell'area Pacifico

Fondi comuni – Speranza europea

Fondi comuni – luci e ombre della crisi

Fondi comuni – Risultati positivi per gli emergenti

Fondi comuni – Giappone verso la stabilità

Fondi comuni – America alle prese con le previsioni

Fondi comuni – L'Europa non tira

Fondi comuni – Su e giù per gli emergenti

Fondi comuni – Vendite sul mercato giapponese

Fondi comuni – Timori per la ripresa americana

Fondi comuni – Est Europa e sud America positive

Fondi comuni – I bancari trascinano le Borse

Fondi comuni – Tra stress test e mercato immobiliare

Fondi comuni – Rally dei biotecnologici

Fondi comuni – Ottimismo nei paesi emergenti

Fondi comuni – segnali positivi nella regione Asia Pacifico

Fondi comuni – L'America e le trimestrali

Fondi comuni – Paura e speranza dall'Europa dell'Est

Fondi comuni – Timori per i finanziari in Giappone

Fondi comuni – Tempo di trimestrali

Fondi comuni – Tecnologici tonici

Fondi comuni – Ancora timori sui paesi emergenti

Fondi comuni – Yen forte pesa sugli esportatori

Fondi comuni – L'altalena dei bancari

Fondi comuni – Il Sol Levante risorge?

Fondi comuni – Crescono le utilities

NEWSLETTER
Iscriviti
X