Risparmio gestito – Est Europa, la convergenza resta intatta

A
A
A

Commento di Angelika Millendorfer (responsabile dell’azionario mercati emergenti di Raiffeisen Capital Management) sulla situazione attuale dell’est Europa e sulle prospettive nel medio-lungo termine. Ecco la prima parte.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti29 maggio 2009 | 10:00

L’Europa Orientale resta un’area di interesse chiave per gli investitori e i media. La rapida discesa delle performance economiche dell’intera regione, le svalutazioni delle monete locali rispetto a euro e dollaro Usa, i downgrade emessi dalle agenzie di rating e i timori relativi alla situazione finanziaria nei paesi dell’Est Europa hanno contribuito a generare un’elevata volatilità e una crescente incertezza.

Alcuni economisti erano quasi arrivati a predire l’imminente crollo finanziario della regione, che avrebbe potuto trascinare con sé l’intero sistema bancario europeo. Ma esattamente qual è oggi la situazione per gli investitori azionari e obbligazionari? E’ cambiata? E quali sono le prospettive nel lungo termine? “Nonostante i problemi e i rischi esistenti, credo sia altamente improbabile che si realizzino scenari tanto catastrofici. I fatti non supportano previsioni di tale natura”, ha spiegato Angelika Millendorfer, head of Emerging Markets Equities di Raiffeisen Capital Management.

L’Ucraina continua a trovarsi al centro della tempesta. La moneta Ucraina è quella che ha sofferto di più e il paese stesso sembra il più vulnerabile sia a livello politico sia economico. “A nostro avviso, tuttavia, la probabilità che altre nazioni dell’area, in particolare la ‘CEE 3’ (Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca), subiscano lo stesso destino è davvero remota. Non solo grazie all’integrazione di questi paesi nell’UE, ma anche grazie alle situazioni politiche ed economiche interne, che sono decisamente migliori rispetto a quelle ucraine”, ha notato Millendorfer. Il fatto che l’UE non intenda passare un pacchetto generale di misure per l’Europa dell’Est, ma preferisca invece agire caso per caso in collaborazione con l’FMI e la Banca Mondiale non va interpretata come la volontà di non aiutare i paesi in questione in caso dovessero attraversare una crisi severa.

Da non sottovalutare è l’incremento dei fondi a disposizione del fondo monetario, che ora è in grado muoversi velocemente e con decisione nel caso la crisi dell’Europa orientale dovesse peggiorare. Al di là di questo, molti dei governi locali hanno gli strumenti per combattere la crisi, a prescindere dai pacchetti di stimoli internazionali. L’intervento verbale delle banche centrali nazionali è stato efficace, per esempio, nello stabilizzare le valute. Ciononostante è possibile che queste monete, che si sono rivalutate, tornino a trovarsi sotto pressione. Non va inoltre sottovalutato l’impatto che il brusco deprezzamento delle valute e la recessione economica avranno sui bilanci commerciali di molte nazioni: da un lato aumenteranno le esportazioni perché più convenienti, dall’altro diminuiranno le importazioni perché più costose. Quei paesi che, invece, hanno agganciato la propria valuta all’euro (ad esempio i paesi baltici e la Bulgaria), non potranno avvalersi di questo meccanismo tampone e soffriranno di più nei mesi a venire.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, top e flop del 18/09/18

Pictet, il fondo va in città

Lazard AM, cambia la direzione

Investimenti, è ora di puntare sull’Asia

Eurizon tiene duro e punta alla crescita

Asset allocation, le opportunità europee

Fidelity fa il pieno di sostenibilità

Utile in bella vista per Schroders

Fondi, boom di quelli esteri in Italia

Commodity globali, un fondo per Lazard

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

Fondi, dove costano meno in Europa

Green Arrow Capital, due fondi e una piattaforma per gli alternativi

Un fondo per gestire le sterzate del mercato

Fondi, con Fidelity la commissione è variabile

Fondi, le migliori piattaforme online

Contenere il rischio è l’obiettivo

Occhio al rischio dei fondi monetari

Le stelle del Salone del Risparmio

Etf, un investimento smart ai tempi di Mifid 2

Fondi, il vero (e oneroso) volto della raccolta

Base Investments, due fondi per due premi

Etica sgr, proventi in distribuzione

Ubp, il bond emergente e sostenibile

Russell Investments, un nuovo fondo sostenibile a rischio controllato

Amundi Etf, 2017 memorabile e 2018 con vista retail

Carmignac: la festa sui mercati sta per finire?

Assogestioni, la raccolta provvisoria 2017 sfiora i 100 miliardi di euro

Fondi, ecco i migliori di Piazza Affari

Fondi, in Europa è già record

Fondi comuni, che stangata in dieci anni

Se i Pir vanno in vacanza, soffriranno anche i fondi mid e small cap Italia?

Più fondi e meno bond nel portafoglio degli italiani

Ti può anche interessare

Strategie multi asset per mantenere la rotta

La diversificazione è la chiave della gestione del portafoglio. E dei fondi... ...

Mediobanca Sgr, Franco alla guida

Confermate le indiscrezioni di Bluerating: il manager ex di Ubi Pramerica è stato nominato amminist ...

Petrolio in ascesa, la bussola per gli energetici di AcomeA

Qual è stata la reazione sui mercati da parte dei titoli del settore energetico? ...