Risparmio gestito – Obbligati alle obbligazioni

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 25 Settembre 2009 | 12:20
Ecco il terzo estratto della nota di Strategia di Pictet Funds del settembre 2009. Andrea Delitala e Marco Piersimoni, investment advisory della società, spiegano le prospettive del mercato obbligazionario.

L’andamento dei mercati finanziari globali delle ultime settimane è stato caratterizzato da una rapida normalizzazione dell’avversione al rischio degli investitori, testimoniata dalle eccellenti performance di tutte le attività rischiose. Così come i timori generano una corsa all’acquisto delle attività più difensive (flight to quality), la diminuzione delle preoccupazioni genera solitamente una vendita delle attività prive di rischio, titoli di stato governativi in testa. Il carattere “straordinario” delle ultime sedute è che questo non è avvenuto, al contrario abbiamo avuto dei ritorni più che soddisfacenti anche dalle obbligazioni emesse dagli stati, con rendimenti a lungo termine in discesa sia in Europa che in USA di circa 20 pb rispetto ad inizio agosto. Quanto avvenuto è un successo delle manovre eterodosse di politica monetaria attuate dalle banche centrali. Se da un lato i rendimenti a lungo termine restano bassi grazie all’assenza di timori inflazionistici, dall’altro le misure di politica fiscale spingono per rendimenti più elevati tramite pressione da offerta. I programmi più o meno espliciti di controllo delle curve governative o dei prodotti a spread ad esse direttamente agganciati (tassi sui mutui, titoli di credito, covered bonds) sembrano funzionare. È doveroso chiedersi cosa potrà accadere ai titoli di stato governativi una volta privati del paracadute ricevuto in dotazione dalle banche centrali.

Il ritiro delle manovre straordinarie di sostegno ai mercati obbligazionari sarà un evento nodale, soprattutto negli USA, dove queste misure sono state più aggressive. Trichet già ha commentato in proposito, ricordando che la BCE ragiona differentemente sugli strumenti tradizionali, i tassi di interesse, e le operazioni straordinarie di liquidità e acquisto di covered bonds. Sembra verosimile che, non appena anticipata, la cosiddetta exit strategy non sarà per nulla favorevole ai bonds governativi. Performance delle azioni e tassi di interesse euro Mutui USA, tassi 30 anni Il rientro dell’avversione al rischio ha premiato la attività finanziaria per la quale maggiori sono stati i problemi durante i giorni convulsi la crisi: il credito. Il restringimento degli spread di tutte le categorie è stato un fenomeno davvero violento, che ha beneficiato dell’ intensa attività di governi e banche centrali per garantire la riapertura dei mercati creditizi. Il mercato primario ha avuto un vero e proprio boom nel 2009, con emissioni che supereranno certamente i volumi del 2007 e sfonderanno il totale di md 1,000$ per (fonte Dealogic), con una presenza importante del settore retail sui fondi specializzati. Sulla categoria investment grade, quella da noi preferita, gli spread sono scesi sotto la soglia del 2%: ci troviamo ancora 70 pb sopra la media storica degli ultimi 10 anni, ma la attrattività del comparto stesso è calata rispetto a pochi mesi fa. Difficilmente si avranno grossi guadagni in conto capitale come quelle visti da fine febbraio in poi. Tenendo conto della differenza di rating, crediamo che migliore sia il profilo rischio/rendimento dei titoli di stato dei paesi emergenti in valuta forte, per i quali gli spread restano vicini ai 400 pb.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi comuni, in Italia massima spesa e minima resa

I migliori fondi, la classifica top 20 Italia

Fondi comuni, a sorpresa l’Europa raddoppia le masse del 2008

Fondi, la grande sfida dei costi

Assogestioni, patrimonio al top. Generali sempre al comando

Asset allocation, guadagnare giocando in difesa

BlackRock, utile giù ma crescono gli asset

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 16/07/2019

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 9/07/2019

Fondi comuni: vincitori e vinti di metà anno

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 6/06/2019

Franklin Templeton, Todeschini nuovo etf sales specialist

Gestori in vetrina – Schroders

Gestori in vetrina – State Street Global Advisors

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 7/05/2019

Gestori in vetrina – Natixis IM

Mirabaud, super utile per celebrare il bicentenario

Investimenti, Robeco: 4 temi di engagement sui quali puntare

Pramerica, passo avanti nella sostenibilità

Candriam, un 2018 nel segno della crescita

Bnp Paribas AM: tanti saluti al carbone

Allianz GI: Linker per l’Italia, D’Avenia vola negli States

Salone del Risparmio 2019, ecco i temi chiave di Assogestioni

Anima, un bilancio coi fiocchi

BFC Education, questa sera Marcialis parlerà di oneri dei prodotti del risparmio gestito

Esg e risparmio gestito si fondono al Salone del risparmio 2019

Castle Mount LP completa il quarto closing

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Franklin Templeton

ConsulenTia19, gestori in vetrina: La Financière de l’Echiquier

Fondi d’investimento, top e flop del 18/02/19

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Columbia Threadneedle Investments

Cari gestori, tagliate le fee

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Schroders

Ti può anche interessare

Asset allocation, occhio ad aeronautica e leisure

“Nel contesto attuale, i settori maggiormente colpiti dalla crisi sanitaria, quali ad esempio l’ ...

Consulenti, lo spettro della stagflazione non deve far paura

I grossi quantitativi di denaro che le banche centrali hanno immesso nel sistema finanziario globale ...

Banche, ora le polizze passano dall’home banking

GrifoTech, la Start Up  Insurtech di Grifo Holding, primo hub di servizi del settore assicurativo e ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X