Performance a due cifre per i gestori

A
A
A

“Anche se l’economia cinese non è totalmente immune dalla recessione occidentale, il pil della Cina ha registrato nel terzo trimestre 2009 una crescita dell’8,9% anno su anno…

di Redazione21 dicembre 2009 | 09:30

di Paolo Maleo

Tale risultato è dovuto in parte alle azioni intraprese dal governo e dalla banca centrale del paese. Il rapido taglio dei tassi di interesse e le misure fiscali pari a 586 miliardi di dollari, per diversi anni, garantiranno una certa stabilità”. Philip Ehrmann, gestore del nuovo fondo Jupiter China Sustainable Growth Fund, lanciato recentemente da Jupiter Asset Management (il fondo è rivolto agli istituzionali e non è autorizzato in Italia, ndr), quando si parla dell’economia cinese non ha dubbi: è ancora un ottimo investimento.
“Non dimentichiamo – continua Ehrmann – che, per quanto riguarda lo sviluppo economico, le autorità cinesi non solo hanno superato le aspettative degli economisti più ottimisti, ma hanno anche iniziato a modificare il carattere della loro economia nel breve periodo. L’obiettivo della Cina, oggi, è passare dall’essere un paese guidato dalle esportazioni, dispendioso e con un alto livello di inquinamento, ad una paese che produce uno sviluppo sano e sostenibile”. E, non è un caso, che il nuovo fondo gestito da Ehrmann punterà principalmente sulle imprese che otterranno benefici proprio dallo sviluppo sostenibile, sociale ed economico della Cina. Si focalizzerà quindi sulla crescita dei dati macroeconomici riferiti a energia, acqua, agricoltura, trasporti, real estate e costruzioni. E per gli investitori italiani? Oggi l’offerta è molto varia e redditizia. Se si considerano i 27 fondi di diritto estero (compresi gli etf) che consentono di prendere posizione solo ed eslcusivamente sul mercato cinese, nell’ultimo anno la performance “peggiore” è quella messa a segno dal fondo Pioneer Greater China Equity che in dodici mesi ha guadagnato “solo” il 41%. Chi ha preso posizione sulla Cina nel 2009 ha quindi portato a casa grandi risultati raggiungendo con una performance media del 63,83%, e nei casi di Henderson HF China Access e di UBS (Lux) Equity – Greater China, la crescita è stata rispettivamente del 108,74% e del 139,73%.
La situazione cambia di poco se si considerano gli ultimi tre anni. In questo caso, considerando i 21 fondi che hanno uno storico di almeno 36 mesi, ben 15 hanno ottenuto performance a due cifre, con un picco del 62,48% registrato da Sisf China Opportunity. Cinque fondi si sono dovuti accontentare di performance positive ma inferiori ai dieci punti percentuali. E soltanto uno ha registrato una performance negativa. Si tratta del Dws China in euro che in tre anni ha perso il 6,71%. Rimane, anche in questo caso, la consolazione dell’ultimo anno: in dodici mesi il fondo ha registrato una crescita del 51,63%.

Questo e altri articoli li puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fondi, la commissione di gestione è sotto pressione

Fidelity, you pay…less

Multi asset, una passione in evoluzione

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

SdR18/Giorgi (Blackrock): “Il nostro Universe”

La raccolta ci mette l’Anima

Caso Vegagest, due ipotesi e un silenzio assordante

Assogestioni: Carreri vicepresidente con il nuovo budget

La guerra dei fondi

Asia più forte per La Francaise

SdR18, via libera per le conferenze

Fondi, rivoluzione Fidelity

Kid, i problemi fanno slittare la notifica alla Consob

Petrolio in ascesa, la bussola per gli energetici di AcomeA

Fondaco, un nuovo fondo equity income

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Mediobanca, ai fondi la maggioranza (relativa) nell’assemblea

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Fondi, La Française lancia nuovo fixed maturity

Fondi, in Europa è già record

Credit Suisse, ecco i due fondi che guardano al futuro

I fondi private scelgono l’Africa

Fondi italiani, in 32 anni più oneri che rendimenti

Al via ReFees, la startup che fa risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Ti può anche interessare

Risparmio gestito, Eurizon e Fideuram dominano a novembre

Le società del gruppo Intesa Sanpaolo hanno raccolto oltre 2,2 miliardi di euro in un mese. Seguono ...

SoGen ha i titoli per Byblos

Societe Generale Securities Services si aggiudica il mandato per fornire il servizio di prestito tit ...

Candriam: l’improbabile scoppio di una bolla obbligazionaria nel 2018

E' necessario sapere se i mercati obbligazionari, in seguito a una normalizzazione della politica mo ...