Il venture capital made in Italy è risorto

A
A
A
di Redazione 22 Dicembre 2009 | 13:00
Il rapporto realizzato a Aifi, Sici e l’Università Carlo Cattaneo mostra come il settore sia in via di sviluppo, con un giro di affari che supera il miliardo di euro.

A Milano è stato presentato il primo rapporto Venture Capital Monitor, un osservatorio sulle attività di start-up realizzato dall’Università Carlo Cattaneo di Castellanza, assieme ad Aifi e a Sici (Sviluppo imprese Centro Italia Sgr).

Secondo lo studio il mercato del venture capital resta in pole position in Italia, ed è pronto a raddoppiare nei prossimi anni grazie ai fondi pubblici per il Sud.
La fotografia del settore fra il 2004 e il 2008 presentata dal rapporto, rileva una certa vivacità del settore che, seppur sia indietro rispetto ai maggiori paesi europei, è riuscito a superare la crisi.
Le operazioni degli 89 fondi analizzati mostrano inoltre un mercato incentrato su alcuni settori, soprattutto biofarmaceutica e Ict, con un valore medio degli investimenti pari a 1,3 milioni, inferiore nettamente rispetto alla media americana di 8-10 milioni, ma con ampie prospettive di crescita.

“Il venture capital tecnologico dopo il 2000 era praticamente defunto”, ha dichiarato Giampio Bracchi, presidente di Aifi, “Le cose sono cambiate a partire dal 2004 e adesso nel nostro paese ci sono una dozzina di fondi non commitment intorno al miliardo di euro”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Decreto Pir: attività ampliate anche agli altri asset di private capital

Il private equity archivia un 2018 da record

I motori del private equity

NEWSLETTER
Iscriviti
X