Il risparmio gestito e la grande mutazione

A
A
A
di Giacomo Berdini 14 Gennaio 2010 | 14:00
Nel 2010 si perfezioneranno le fusioni e le acquisizioni che hanno coinvolto protagonisti dell’industria come BlackRock, Invesco, CAAM e SGAM.

Il 2009 è stato un anno portatore di interessanti novità nel comparto del risparmio gestito, sia per quanto riguarda le scena italiana che per i protagonisti internazionali. L’eredità della crisi e la lenta ripresa incombono ancora come un’ombra sulla dimensione finanziaria, è quindi naturale che in alcuni casi le società ricorrano a partners strategici e fusioni o, in mancanza di questi, si trovino costrette a privarsi di un arto. Stiamo parlando in particolare delle operazioni che hanno portato alla formazione di nuove società di gestione del risparmio, di fusioni tra gruppi importanti oltre che imprese ancora in atto che stanno mutando la faccia del settore in questo delicato passaggio di testimone con un anno nuovo di zecca.

Riguardo a questo argomento non è possibile evitare di parlare del gigante finanziario BlackRock, che ha recentemente concluso i lavori di fusione con Barclays Global Investors, primo hedge fund manager europeo che comprende al suo interno una divisione operante nel settore degli Etf. Lo sposalizio ha delle caratteristiche che l’avvicinano all’epico, trattandosi infatti dell’acquisizione dalle dimensioni più grandi finora mai effettuata all’interno del settore del risparmio gestito, patto concluso solo dopo una lunga lotta tra titani che ha visto opporsi alla BlackRock pretendenti del calibro di Bank of New York Mellon.
Tutto ha avuto inizio con la necessità di Barclays di fare cassa e uscire dal risparmio gestito, cedendo quindi la BGI. Ad aprile il gruppo britannico era giunto ad un accordo con il fondo di private equity CVC Capital Partners, per la vendita di iShares per 4,8 miliardi di dollari. Nel preaccordo per la cessione del maggior gestore di Etf al mondo, tuttavia, era prevista una clausola grazie alla quale Barclays ha avuto la possibilità di cercare offerte migliori di quella di CVC entro giugno, così da lasciare aperta la partita all’ingresso di Black-Rock. Alla fine l’accordo è stato raggiunto per la cifra totale di 13,5 miliardi di dollari, quota sborsata dal gruppo per acquistare la controllata Barclays Global Investors. Nel patto è stata ovviamente compresa anche iShares, la piattaforma Etf leader di mercato, il cui marchio è stato mantenuto all’interno della nuova società, che opera però col nome e sotto la bandiera di BlackRock.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X