2010, occhio agli utili

A
A
A
di Francesco Biraghi 14 Gennaio 2010 | 15:30
Il fondo analizzato questo mese attraverso il Fund Selector è…

…il comparto Perkins US Strategic Value Fund, appartenente alla Janus Capital Funds Plc, OICVM di diritto irlandese, cioè un fondo comune d’investimento mobiliare aperto costituito in Irlanda. Dal settembre 2003, questo fondo è gestito direttamente da Perkins Investment Management, società del gruppo Janus International che opera come casa d’investimento indipendente. Il team di gestione ha la sua sede principale a Chicago ed è coordinato da Jeffrey Kautz, mentre l’altro gestore Thomas Perkins è basato in California. Il comparto si propone di realizzare un incremento del capitale nel lungo periodo, utilizzando una impostazione definita “value”, cioè basata sul “valore”. Ciò significa che punta su aziende ritenute sottovalutate rispetto al loro valore intrinseco e i cui titoli azionari abbiano buone possibilità di apprezzarsi a lungo termine. Per riassumere la strategia usata dalla società di gestione, possiamo dire che si tratta di un fondo con uno stock picking orientato al rendimento assoluto. Il nucleo della gestione è nella ricerca di società a media capitalizzazione, valide e a valutazioni interessanti.
Nello stock picking, tutti i membri del team seguono lo stesso approccio di investimento, concentrandosi su aziende di qualità con un bilancio solido e con una posizione di leadership nell’ambito del proprio settore industriale. Dal lato del market timing, si privilegia l’acquisto dei titoli nel momento in cui i loro prezzi risultano particolarmente depressi.
Questo tipo di approccio produce un portafoglio con qualità difensive e dalle tipiche caratteristche value. I rendimenti assoluti sono anch’essi presi in considerazione e, coerentemente con la politica d’investimento, la liquidità può essere in alcuni casi aumentata per proteggere i guadagni ottenuti. Anche se è un fondo principalmente composto da titoli a media capitalizzazione, include anche una componente di large cap, e questo può portare ad una significativa varibilità dei rendimenti rispetto al benchmark. Sul lungo termine, questa strategia ha superato il parametro di riferimento, e nel corso degli ultimi anni questo fondo ha ottenuto sovraperformance significative rispetto al benchmark.
Il rischio di portafoglio viene affrontato attraverso una diffusa diversificazione. Le posizioni sono costruite gradualmente, generalmente con un peso intorno all’1,5%.
In ogni caso ad un singolo titolo non è consentito superare il 5% del patrimonio in gestione.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: il Dollaro è di Credem

Top 10 Bluerating: Lyxor regina della finanza

Top 10 Bluerating: Schroders si prende la Gran Bretagna

NEWSLETTER
Iscriviti
X