CNP Unicredit Vita dovrà rimborsare i clienti

A
A
A
Avatar di Redazione 1 Febbraio 2010 | 13:45
A decretarlo è il Tribunale di Milano che obbliga la compagnia a risarcire i clienti a causa della poca correttezza e trasparenza relativi alle polizze index-linked con sottostante Lehman Brothers.

Il Tribunale di Milano dà ragione ad Adiconsum e ai consumatori stabilendo che CNP Unicredit Vita ha violato il diritto dei contraenti-consumatori a ricevere un’adeguata informazione e ad intrattenere rapporti contrattuali basati sulla correttezza, trasparenza ed equità, relativi alle polizze index-linked.

L’azione giudiziaria contro CNP, a cui in una prima fase ha partecipato Adiconsum, aveva per oggetto di osteggiare il rifiuto da parte della società di rimborsare le polizze oramai scadute e ad inibire la conversione delle polizze in base alle proposte alternative denominate “cash” e “trasformazione”, le quali non prevedevano il rimborso quantomeno dell’intero capitale di polizza alla relativa scadenza.  L’azione aveva inoltre lo scopo di far riconoscere il diritto dei consumatori sottoscrittori ad ottenere la restituzione integrale del premio versato. Ciò perché i risparmiatori erano stati convinti di non avere diritto al pagamento quantomeno del capitale investito, essendo esposti al rischio di insolvenza dell’emittente Lehman Brothers, mentre le polizze oggetto di giudizio, denominate “Performance”, prevedevano espressamente la “garanzia” della restituzione del capitale da parte della Compagnia.

Anche se si tratta di una prima interpretazione, che dovrà essere confermata nel giudizio di merito, l’Ordinanza riconosce l’obbligo contrattuale di CNP VITA al rimborso del 100% del premio unico versato, condannando la compagnia a inviare ai singoli consumatori interessati al cd. crack Lehman

e che abbiano sottoscritto le polizze Performance a ricevere entro e non oltre la data del 1.3.2010, una comunicazione scritta formale in cui CNP Unicredit Vita affermi tra l’altro: “Il Tribunale di Milano ha ritenuto probabilmente non rispondente ai principi di buona fede, correttezza e lealtà e comportamento lesivo dei diritti dei consumatori” e ancora: “Come probabilmente non corretto il comportamento della CNP Unicredit Vita SpA perché fondata su un’interpretazione non univoca del contenuto contrattuale delle polizze Performance 5,6,7,8,9. Interpretazione che ha evidenziato unicamente i profili di esonero della responsabilità della società CNP Unicredit Vita”.

 

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Intesa-Adiconsum, un confronto per semplificare i prestiti

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Alla carica contro le banche

NEWSLETTER
Iscriviti
X