Janus lancia nuovo fondo Intech con strategia global

A
A
A

La strategia Enhanced Global Equity si avvale della stessa strategia di previsione della volatilità che la società di gestione impiega sin dal 1987. L’obiettivo è superare il benchmark dell’1,25-35%.

di Redazione10 febbraio 2010 | 11:45

Intech Investment Management, società del gruppo Janus Capital, lancia Enhanced Global Equity, nuova strategia di portafoglio messa a punto grazie al finanziamento erogato da uno dei maggiori fondi pensione europei. La strategia Enhanced Global Equity è un ampliamento delle due strategie Global Core e Enhanced Index di Intech. La strategia Global Core ha generato al 31 dicembre 2009 una performance del 4,22% al lordo delle commissioni su base annua dalla data del suo lancio avvenuta il 1 gennaio 2005, sovraperformando dell’1,66% il proprio benchmark, l’Msci World Index. Il portafoglio Enhanced Index ha generato un rendimento annualizzato del 3,16% dal lancio avvenuto il 1 aprile 1998 fino al 31 dicembre 2009, sovraperformando dell’1,30% il proprio benchmark, l’indice S&P 500.

La nuova strategia Enhanced Global Equity, che si basa sul processo di investimento di Intech fondato su modelli matematici con gestione del rischio, si propone di generare sul lungo termine rendimenti superiori a quelli dell’indice di riferimento target. Il nuovo portafoglio si avvale della stessa strategia di previsione della volatilità che la società impiega sin dal 1987. L’obiettivo di rendimento di Enhanced Global Equity mira a conseguire, in un orizzonte di
investimento da tre a cinque anni, una performance superiore dell’1,25-1,35% (su base annua al lordo delle commissioni) rispetto a quella dell’indice di riferimento Msci Developed World Gross Index. Il tracking error di lungo termine dovrebbe attestarsi attorno all’1,35-1,50% su base annua al lordo delle commissioni, mentre l’information ratio ha un livello target superiore a 0,75.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, top e flop del 21/1/2019

Fondi comuni: Niche AM, un debutto dal cuore italiano

Corcos (Assogestioni): mano tesa al governo sul nodo Pir

Fondi, top e flop del 09/01/19

Fondi, top e flop del 08/01/19

Fondi, top e flop del 31/12/18

Assogestioni, pioggia di deflussi a novembre

Fondi, top e flop del 24/12/18

Fondi comuni, rimanere sull’azionario premia

Fondi, top e flop del 20/12/18

Fondi, nel 2018 trionfa la decorrelazione

Fondi, top e flop del 19/12/18

Fondi, top e flop del 18/12/18

Fondi & sicav: profondo rosso

Private banking, Julius Bär vende Kairos

Fondi, top e flop del 10/12/18

Fondi, top e flop del 6/12/18

La sostenibilità invade il Salone del Risparmio

Fondi, top e flop del 28/11/18

Un ex Ubs per Mirabaud

Schroders, due webinar per parlare ai consulenti

Fondi, top e flop del 14/11/18

Fondi, top e flop del 09/11/18

Raiffeisen da premio nella sostenibilità

Fondi, top e flop del 07/11/18

Fondi, il best of di Vontobel

Fondi comuni, negli Stati Uniti costano meno

Fondi comuni, le commissioni sono tutte da rifare

Fondi, top e flop del 23/10/18

Fondi, top e flop del 17/10/18

Fondi, top e flop del 15/10/18

Fondi, top e flop del 11/10/18

La grande debacle delle gestioni attive

Ti può anche interessare

Che cosa è “perfetto”?

Cosa conta veramente quando si sceglie il giusto fondo d’investimento. Forse i tuoi pantaloni pref ...

Invesco: Btp? È un rischio interessante

Read (Invesco) si pronuncia sulle prospettive d’investimento nei titoli governativi italiani. ...

Pop (East Capital): “Quante occasioni sui mercati emergenti”

L’opinione dell’ head dell’ Asia Investment Team di East Capital che ha incontrato la stampa a ...