Hsbc vs Parvest, chi la spunta in Turchia

A
A
A
di Francesco Biraghi 12 Febbraio 2010 | 14:30
Match del giorno tra due società di gestione estere attive in Italia: gli inglesi di HSBC e i francesi di Parvest si incontrano in campo neutro, vediamo chi la spunta sugli “azionari turchia”

GLI STRUMENTI

Ai fini dell’analisi utilizziamo le importanti risorse contenute all’interno del nostro product selector, che ci permette di determinare i fondi confrontabili per categoria di appartenenza (tipologia di prodotto, società di gestione e categoria Bluerating); in particolare, ai fini dell’articolo, sfruttiamo le potenzialità dello strumento confronta prodotti, che ci regala inoltre l’importante apporto grafico in calce alla pagina (che comunque è solo una parte delle varie schermate che si possono ottenere).

I PRODOTTI

La categoria è quella dei fondi azionari turchia. Sulla sinistra troviamo Hsbc Gif Turkey Equity classe A. Il comparto investe almeno due terzi del suo patrimonio non liquido in ogni titolo, denominati principalmente in Lira turca, che siano emessi o garantiti da stati o da agenzie governative turche o emessi da società con sede legale in Turchia. Il comparto cercherà di investire principalmente in titoli a reddito fisso di tipo Non Investment Grade (es obbligazioni). Mentre il rating di credito del governo turco migliora nel tempo, si prevede che l’universo dei titoli a reddito fisso di tipo Investment Grade e altri titoli di natura analoga sia destinato a crescere. Nel caso in cui il Consulente dell’Investimento ritenga che tali titoli offrano opportunità attraenti, potrà aumentare il peso dei titoli a reddito fisso di tipo Investment Grade nel comparto. Tra i principali settori in cui investe il fondo troviamo il comparto Finanziario con il 53,4% sul totale, seguito dai titoli Industriali (19%) e dalle Telecomunicazioni (8,2%).

Alla destra troviamo lo sfidante Parvest Turkey classe C. Il comparto investe principalmente in azioni, obbligazioni convertibili, buoni di sottoscrizione, certificati d’investimento, warrant su azioni o altri titoli assimilabili alle azioni, emessi da società aventi sede legale in Turchia o che vi esercitino una parte preponderante della loro attività. La parte restante degli attivi può essere investita in azioni, obbligazioni convertibili, buoni di sottoscrizione, certificati d’investimento, warrant su azioni o titoli assimilabili diversi da quelli previsti nella politica principale, in obbligazioni, strumenti del mercato monetario o in liquidità. Il fondo investe il 65,61% del suo patrimonio nel settore Finanza, seguono le Telecom (10,04%) e i Beni di consumo (7,33%).

IL MATCH

Ecco i risultati sulla base di elementi di raffronto riscontrabili all’interno del nostro confronta prodotti e delle schede prodotto.

Patrimonio al 31 dicembre 2009: un punto per Parvest Turkey, cha ha un patrimonio in gestione di 42,18 milioni di dollari. Hsbc Gif Turkey Equity arriva a 19,40 milioni di dollari.

Rating: 5 corone per Hsbc Gif Turkey Equity, che conquista un punto. 4 corone per Parvest Turkey.

Performance a 1 e 3 anni: due punti per Hsbc Gif Turkey Equity, che prevale su entrambi gli orizzonti temporali.

Volatilità e Volatilità negativa ad 1 anno: un punto a testa.

Commissioni: Hsbc Gif Turkey Equity conquista il punto, presenta infatti un costo annuo di gestione pari all’ 1,35%, mentre Parvest Turkey arriva al 1,75%. Entrambi non prevedono commissioni di performance.

Indice di Sharpe e Sortino a 1 anno: 2 punti per Hsbc Gif Turkey Equity, che presenta dei valori migliori. In ogni caso entrambi i fondi fanno registrare degli indici positivi, segnale di una buona gestione.

RISULTATO FINALE

Hsbc Gif Turkey Equity classe A Euro: 7

Parvest Turkey classe C Euro: 2
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Hsbc: un’italiana a capo delle attività Global Banking per l’Europa Continentale

Etf, da Hsbc AM tre nuovi strumenti “Paris Aligned” a Piazza Affari

Investimenti: prepariamoci alla “mission economy”

NEWSLETTER
Iscriviti
X