Jourdan (La Financière de l’Echiquier): “Perché investire in bond convertibili”

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico16 marzo 2017 | 09:38

L’investimento in obbligazioni convertibili offre interessanti spunti nell’attuale contesto di mercato. Bluerating ne ha parlato con Guillaume Jourdan (nella foto), gestore dei fondi convertibili di La Financière de l’Echiquier

Quali sono gli attuali scenari per il mercato delle obbligazioni convertibili?

Il mercato europeo è stato particolarmente attivo. Durante la prima parte del 2016 ci sono state molte emissioni sulle large cap. Emissioni che hanno dato alle obbligazioni convertibili un connotato difensivo che non si osservava ormai da molti anni. La seconda parte dell’anno è stata dedicata alle small e mid cap, con un forte guadagno in termini di performance. Queste società traggono infatti vantaggio da elevati potenziali di crescita. L’attuale volatilità è piuttosto positiva per il mercato delle obbligazioni convertibili in quanto consente di avere un piede nel mercato azionario e di accrescere una parte del valore delle nostre obbligazioni convertibili, che salgono in caso di aumento della volatilità. Oggi preferiamo l’Europa, in quanto il mercato è più attivo rispetto a quello americano dove il mercato primario è meno sostenuto. Manteniamo un’esposizione costante sul Giappone, che continua a emettere su base regolare.

Quali ragioni portano a preferire l’investimento in bond convertibili nell’attuale contesto di mercato?

La risposta è in tre punti. Primo punto: le cedole sono al rialzo, i premi sono al ribasso e questo porta a un miglior rendimento e a una migliore esposizione al mercato azionario. Il secondo punto riguarda le clausole di ogni emissione che tutelano l’investitore in caso di Opa e di pagamento dei dividendi da parte dell’emittente attraverso una revisione del conversion rate. Il terzo punto riguarda il riacquisto di convertibili nel 2016: abbiamo visto 10 riscatti di questo tipo, che hanno generato mediamente una performance superiore al 2% su ognuno dei titoli interessati.

Cosa caratterizza l’approccio di investimento dei fondi convertibili di Lfde?

Vari sono gli elementi che spiegano le differenze rispetto agli altri fondi convertibili: innanzitutto la nostra esposizione alle small e mid cap che è preponderante, e si può spiegare attraverso il nostro know how azionario molto accurato, grazie a incontri regolari con i principali manager delle aziende. Secondo elemento: diversifichiamo i nostri investimenti attraverso opzioni che ci consentono di cogliere quanto di meglio c’è fra le idee degli analisti azionari di La Financiere de l’Echiquier. L’ultimo elemento che fa la differenza rispetto al resto del mercato è la copertura sistematica sul rischio di cambio. Il miglior esempio dello scorso anno: abbiamo evitato una performance negativa di 80 basis points sulla sterlina inglese grazie appunto all’utilizzo della nostra copertura.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Asset Alloction: il gestore spiega l’impatto di un rating “basso”

Come gestire il "rischio" di un rating tripla B all'interno del proprio portafoglio ...

Gam: 2018 anno di transizione. Le opportunità nel mondo obbligazionario

L’investitore obbligazionario dovrà sempre di più effettuare una attenta valutazione dei fondame ...

Anima, le masse volano a febbraio

Il totale delle masse gestite a fine mese è pari a circa 94,3 miliardi di euro, in aumento di circa ...