Milano pesa sui fondi italiani In media hanno perso il 3,32%

A
A
A
di Samuele Camellini 18 Marzo 2010 | 12:30
Il Bel Paese sempre più vicino all’area Pigs grazie a un rating Standard & Poor’s pari ad A+

Italia, Paese sviluppato di area euro. A guardare i dati della qualità del debito pubblico in base al rating di Standard & Poor’s (vedesi tabella), il Bel Paese sembra più un emergente tra gli sviluppati.
A dirla tutta, l’Italia è più che altro un Paese sempre in emergenza. Siamo alla pari del Portogallo. Di poco sopra alla Repubblica Ceca e alla Polonia. Non sono valori molto confortanti e rassicuranti. L’aspetto favorevole delle nazioni in via di sviluppo è l’avere un prodotto interno lordo crescente a valori significativi. Questo aspetto non ci caratterizza, come sappiamo: siamo a crescita zero, o giù di lì. Addirittura negativa nella recente crisi. Abbiamo sì una valuta forte e un’inflazione molto bassa e sotto controllo. Qual è però il giovamento di questa situazione? Anche la borsa di Milano cincischia. L’ultimo mese è stato tutt’altro che positivo. L’indice Ftse Mib ha ballato a cavallo dei 21.000 punti, per poi riaffacciarsi sopra quota 22.000. Sta di fatto che le altre principali borse europee, in particolare Londra, Parigi e Francoforte, hanno fatto meglio sulla scia del recupero di New York. Inevitabile la ripercussione sui fondi che investono sul listino di Milano. Vediamo nel dettaglio. Il migliore è stato Eurofundlux IFS – Italian Equity di Euromobiliare, grazie, soprattutto alla presenza in portafoglio di oltre il 20% di liquidità. Le perdite si sono limitate allo 0,31%, contro una media dei competitor pari a -3,32%.
Alle sue spalle, World Invest Italian Equity con una perdita mensile dello 0,81%. Anche in questo caso, la componente monetaria in asset è significativa. Superiore al 15%. Nella nostra valutazione abbiamo considerato tutte le categorie azionarie di Bluerating focalizzate sulle equity italiane, quindi anche le mid e small cap. E in terza posizione troviamo infatti Oyster Italian Value, con una performance di -0,97%, il quale ha un portafoglio riferito a titoli che hanno una capitalizzazione media di mercato di 500 milioni di euro. Le principali stock per peso sono Danieli & C. Risparmio, Generale de Sante (quotata sul listino francese), Replay, Banca IFIS, con Lottomatica al 4,5%, prima del Ftse Mib. Dall’altra parte del ranking si piazza in ultima posizione Fondersel Italia (-5,04%).
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti