Effetto Grecia sulle emissioni. Tutti i Paesi battono cassa

A
A
A
Avatar di Redazione 1 Aprile 2010 | 09:30
Si susseguono le triple A: quella più allettante è Bank Nederlandse che rende il 6,18%

di Paolo Brambilla

Settimana densa di nuove emissioni, questa. Anche i titoli governativi dei Paesi emergenti hanno trovato uno spiraglio favorevole nel successo della nuova emissione della Repubblica Ellenica.
Si saranno detti “se prestano ancora i soldi a questa nazione scombinata, allora li possono prestare anche a noi”. E così si stanno comportando molte società private con le loro nuove emissioni. Qualche commentatore ha fatto presente che questa pioggia di prestiti malsicuri può danneggiare l’intero mercato. Così la penso anch’io, e vi raccomando ancor più prudenza del solito. L’Argentina, ad esempio, dopo tre anni di purgatorio, ha visto il lancio sul mercato internazionale di corporate bonds di società locali, anche di buona qualità, allo scopo di contribuire ad aiutare la ripresa economica del proprio Paese. Auguri, certamente, ma aspettiamo un po’ a comprarli. Bene si sta comportando il mercato negli Stati Uniti: secondo Moody’s il tasso di default dei prestiti più speculativi calerà dal 12,7% del febbraio 2010 al 3% nel febbraio 2011. Il trend positivo sembra abbia contagiato anche l’Europa: Repubblica Ceca, Bulgaria, Estonia, Lituania, Ungheria e Slovacchia hanno molto migliorato le proprie economie e la European Bank for Reconstruction and Development ha aumentato mediamente la stima di crescita delle nazioni in cui investe dal 2,5% al 3,3%.
Le emissioni della Repubblica Ceca, ad esempio, ottengono un rating A1 da Moody’s e A da Standard and Poor’s, come Slovacchia e Malta. La Romania è riuscita a piazzare in marzo un mega-prestito da un miliardo di euro, e anche la Croazia ha ottenuto la fiducia degli investitori. Ricordiamoci che a fronte di debiti pubblici rilevanti come quello di Italia (117% del Pil) e Grecia (125% del Pil) la Repubblica Ceca, ad esempio, si attesta intorno al 41%, molto meglio anche di Germania che dal 76,7% del Pil si sta rapidamente portando a oltre il 79% nel 2011. Paesi giudicati molto solidi come USA, Francia, Germania e Inghilterra, pur ricevendo ancora dalle agenzie di rating il punteggio più alto, la tripla A, stanno correndo il rischio di non vedersela più rinnovare quest’anno.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, il miraggio del 3%

Investimenti, le opportunità emergenti dei bond

Bond, Europa sottozero

Bond, c’era una volta l’high yield

Asset allocation: le mosse estive sui bond

Mps, boom del bond

A Piazza Affari è bond mania

Bond, per Jp Morgan saranno tempi duri

Mercati, i bond sprofondano a tassi negativi

Carige, proroga per la garanzia pubblica

Italia, è scorpacciata di bond

Mps torna sul mercato, bond da 750 mln

Italia, la grande gelata dei bond bancari

Generali cerca un accordo in Asia

Carige, in arrivo bond miliardario

Credem fa il pieno di cover bond

Debito sovrano e corporate: allarme bolla

Credit Suisse, i bond sulle ali del Dragone

Due nuovi bond da Collezione

Se il credito deteriorato si trasforma in bond

Credit Suisse, rendimento sulla rotta di Marco Polo

Credit Suisse, la bussola dei bond

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Obbligazioni, Iccrea Banca propone un nuovo bond senior

Ccteu e Btp sono i protagonisti della nuova infornata del Mef

Banca Imi, tris di bond in dollari e rubli

UniCredit, successo per i nuovi bond cuscinetto

Bond subordinati Mps, come ottenere i risarcimenti

Iccrea banca, emesso bond da 600 milioni

Bank of America: attenti agli emittenti “zombie” in caso di rialzo dei tassi in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

Fideuram Ispb colloca un bond di Intesa Sanpaolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X