Ing IM: mercato equity ancora attraente

A
A
A
di Redazione 19 Aprile 2010 | 14:45
Al momento i settori più ciclici stanno ancora beneficiando del momentum. Con il passare dei mesi ci si sposterà verso i settori più difensivi. Ma per il 2011…

L’ottimismo degli analisti per il 2010 è comprensibile secondo Ad Van Tiggelen, senior investment specialist di Ing Investment Management. Infatti l’economia globale si sta riprendendo e i tassi di interesse sono ancora bassi e il confronto con il basso livello dei profitti del 2009 è relativamente facile. Quindi le previsioni di una crescita degli utili del 32% nel 2010 potrebbe realizzarsi, secondo l’esperto, nonostante sia probabile che la crescita dei ricavi sarà modesta. 

In particolare “gli analisti prevedono che i profitti aziendali raggiungeranno il prossimo anno i nuovi massimi storici. Se si vuole credere alle stime del consensus, gli utili dovrebbero crescere di oltre il 30% nel 2010 e di circa il 20% nel 2011. Noi non ci crediamo, almeno non per il 2011″ precisa Van Tiggelen. Questo perché se i governi cominceranno a occuparsi dei loro carichi di debito e le banche centrali alzeranno lentamente i tassi di interesse, le condizioni potrebbero diventare meno incoraggianti.

“Il confronto con gli utili, più alti, dell’anno precedente sarà difficile e la loro crescita dipenderà maggiormente dall’aumento delle entrate. Ma una crescita dei ricavi è probabile solo se le società alzeranno i prezzi, scenario che non si può escludere, ma che tuttavia appare improbabile” continua il senior investment specialist di Ing Investment Management. 

Secondo l’esperto il boom dei profitti è stato influenzato dalla globalizzazione che ha portato le aziende occidentali ad aumentare in modo significativo la parte dei profitti realizzati al di fuori dal mercato domestico.

 

Ma la domande è cosa bisogna aspettarsi dunque? “Al momento i settori più ciclici stanno ancora beneficiando del momentum, nella ripresa dei propri utili. Con il passare dei mesi, le aspettative continueranno a crescere e i confronti diventeranno più difficili, portando probabilmente delusioni e uno spostamento verso settori più difensivi. Per il 2011 sarà già tanto se si realizzerà la metà del 20% previsto per la crescita degli utili. Tuttavia, anche un tale risultato dovrebbe lasciare i mercati azionari a valutazioni abbastanza attraenti” conclude Van Tiggelen.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

ING Investment Management Top Funds Marzo 2013

ING Investment Management Top Funds Febbraio 2013

ING Investment Management Top Funds Gennaio 2013

NEWSLETTER
Iscriviti
X