Ethenea: improbabile l’ipotesi di un’Italexit

A
A
A
di Chiara Merico 22 Marzo 2017 | 10:28
I rischi politici legati alle elezioni in Francia e in Italia sono sopravvalutati: i veri rischi in Europa restano di natura economica.

RISCHI POLITICI SOPRAVVALUTATI – I rischi politici legati alle elezioni in Francia e in Italia sono sopravvalutati: i veri rischi in Europa restano di natura economica e sono legati alla fragilità economica e all’eterogeneità degli Stati soggetti a un’unica valuta e a un unico tasso d’interesse. E’ questa l’analisi di Yves Longchamp, head of research di Ethenea Independent Investors (Schweiz) AG. Donald Trump è un presidente potente, che può realmente riformare gli Stati Uniti e rappresenta quindi un vero rischio politico. Riteniamo invece che in Francia e in Italia i rischi politici legati alle elezioni siano sopravvalutati. Il principale rischio in Europa rimane la combinazione di fragilità economica ed eterogeneità degli Stati membri soggetti a un’unica valuta e a un unico tasso d’interesse. Il vecchio processo di adeguamento adottato prima della creazione dell’euro, che si serviva essenzialmente di movimenti valutari, non esiste più. Ciò che resta, è una svalutazione interna attraverso i differenziali di inflazione (inclusa la deflazioni in alcuni paesi). Crediamo pertanto che il principale rischio in Europa sia di natura economica piuttosto che politica. Un rallentamento o una recessione prolungati, farebbero nuovamente riemergere differenze in termini di produttività ed elevato debito pubblico. Al momento gli indicatori economici dell’Eurozona continuano a essere complessivamente incoraggianti, facendo passare in secondo piano il problema della sopravvivenza dell’Unione.

USCITE IMPROBABILI – Sul piano politico, va ricordato che l’Italia ha un sistema bi­camerale perfetto e un panorama politico molto frammentato, dove è altamente improbabile che si formi una coalizione sufficientemente ampia da assumere il potere in entrambe le camere e dare avvio all’Italexit, sebbene soltanto il 53% della popolazione si dichiari a favore della moneta unica. Analogamente, in Francia, dove secondo i più recenti dati dell’Eurobarometro circa due terzi della popolazione sono a favore dell’euro, le elezioni passate hanno mostrato che al secondo turno gli elettori non appartenenti al Front National tendono a votare in blocco per l’altro candidato. Anche in questo caso, quindi, è improbabile che il Paese possa lasciare l’Europa per sua scelta, conclude Longchamp.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: dovremo convivere con l’inflazione per tutto il 2022

Mercati, azionario vincente anche nel 2022

Investimenti, obbligazioni: le previsioni di Ethenea per il 2022

NEWSLETTER
Iscriviti
X