Mirabaud, utile su del 16,7% nel 2016

A
A
A

Al 31 dicembre 2016 gli asset totali in gestione si attestavano complessivamente a 33,1 miliardi di franchi svizzeri.

Chiara Merico di Chiara Merico23 marzo 2017 | 08:55

UTILE IN CRESCITA – Il gruppo Mirabaud ha chiuso l’esercizio 2016 con un utile netto in aumento del 16,7% rispetto all’anno precedente e con asset in gestione anch’essi in crescita rispetto al dato del 30 giugno 2016. Al 31 dicembre 2016 gli asset totali in gestione si attestavano complessivamente a 33,1 miliardi di franchi svizzeri (al lordo di 3,2 miliardi di franchi svizzeri di asset duplicati), di cui 8,1 miliardi di franchi svizzeri riferiti alla divisione Asset Management e 25 miliardi alla divisione Wealth Management, rispetto a 31,6 miliardi al 30 giugno 2016.

 

BUONA PERFORMANCE – L’esercizio 2016 del gruppo si è chiuso con un utile netto consolidato di 31,6 milioni di franchi svizzeri (+16,7% rispetto al 2015). I ricavi sono rimasti stabili a 289 milioni di franchi svizzeri, compreso un margine d’interesse di 24,1 milioni, commissioni per 227,7 milioni e un risultato delle attività di trading di 30,3 milioni. I costi di esercizio, al netto di deprezzamenti, ammortamenti e imposte, si sono attestati a 244,4 milioni di franchi svizzeri (contro 250,5 milioni nel 2015) grazie a un controllo costante dei costi. “In un contesto competitivo soggetto a regolamentazioni sempre nuove, i nostri risultati sono espressione della buona performance delle nostre attività. La nostra strategia di sviluppo internazionale continua a dare i suoi frutti in quanto proseguiamo la nostra espansione su tutti i mercati in cui è presente Mirabaud”, sottolinea Yves Mirabaud, senior managing partner del gruppo ginevrino. Il totale consolidato degli asset è pari a CHF 4327 milioni. Le passività si compongono essenzialmente di depositi della clientela. Due terzi degli asset sono depositati presso la Banca Nazionale Svizzera o investiti prevalentemente in bond governativi a breve ter­mine con rating elevato, che garantiscono liquidità e sicurezza. Il gruppo presenta un indice Common Equity Tier 1 stabile del 20%, livello decisamente superiore ai requisiti previsti da Basilea III. Nel 2016 il gruppo Mirabaud ha ampliato le proprie attività nel campo del wealth management, dell’asset management, del brokerage e del corporate finance nei diversi mercati in cui opera. Durante il 2017 il gruppo Mirabaud, fedele alla propria visione di lungo termine, proseguirà la sua politica di investimenti attentamente selezionati per offrire sempre prestazioni eccellenti ai propri clienti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mirabaud, super utile per celebrare il bicentenario

Wealth management, Mirabaud passa per Montevideo

Mirabaud AM a passo di samba

Ti può anche interessare

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Nonostante la crisi immobiliare statunitense, alcuni fondi azionari che investono in Europa hanno mo ...

Pir con il fiato corto

Il Sole 24Ore dedica un articolo ai piani individuali di risparmio, evidenziando la come sia venuta ...

Gestori e fondi, ecco i campioni del risparmio sostenibile

Se la raccolta complessiva scende, ma chi resiste meglio degli altri sono i fondi sostenibili. Come ...