Fondi italiani, in 32 anni più oneri che rendimenti

A
A
A

Lo rivela un’analisi di Plus de Il Sole 24Ore, che prende in esame l’andamento dei prodotti di investimento in Italia lungo l’arco di 32 anni, dal 1984 al 2015.

Chiara Merico di Chiara Merico27 marzo 2017 | 08:54

LO STUDIOPiù commissioni che rendimenti: è questo, in sintesi, il risultato dell’analisi di Mediobanca che ha preso in esame l’andamento dei prodotti di investimento in Italia lungo l’arco di 32 anni, dal 1984 al 2015. Come rivela Plus de Il Sole 24Ore, lo studio ha analizzato oltre un migliaio tra fondi comuni e Sicav, fondi pensione negoziali e aperti, fondi chiusi, immobiliari, speculativi, fondi di fondi collegati e non collegati e fondi riservati. In 32 anni questi prodotti hanno generato un aumento di patrimonio del 54,6% (92,8 miliardi di 170 miliardi), per un rendimento medio annuo composto dell’1,37% (senza considerare l’inflazione). Nello stesso periodo gli oneri di gestione (tutte le commissioni a vario titolo) pagati dai sottoscrittori sono stati pari a 73,8 miliardi, e le imposte a 7,3 miliardi. Secondo i calcoli del quotidiano finanziario, dunque, ogni anno il costo medio delle commissioni sul patrimonio dei fondi è stato dell’1,39%, superiore quindi al rendimento medio annuo composto.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Etica, un comparto per ripensare il clima

L’armata dei fondi anti spread

Fondi, top e flop del 03/10/18

Fondi, se il gestore non serve a nulla

Fondi, top e flop del 28/09/18

BlackRock, il fondo a misura di prudenza

Fondi, top e flop del 25/09/18

Fondi, top e flop del 21/09/18

Fondi, top e flop del 19/09/18

Haxe guida per l’Europa di Investec AM

Doppietta di nomine per Jupiter AM

Una semestrale Mirabaudlante

Neuberger Bergman, arriva il fondo Clo Income

Pictet: biotecnologie, che forza!

Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Candriam, sostenibili per vocazione

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fondi, la commissione di gestione è sotto pressione

Fidelity, you pay…less

Multi asset, una passione in evoluzione

Ti può anche interessare

Aberdeen Standard Investments: l’upgrade dell’India, un atto dovuto

Secondo il gestore il governo del primo ministro Modi ha dimostrato più e più volte il suo impegno ...

Agli italiani piace (un po’ di più) il rischio

Lo rivela un sondaggio commissionato da Franklin Templeton Investments, condotto su oltre 300 inve ...

Fondi: puntare sul debito emergente con Pictet

Al via il nuovo Pictet-Short Term Emerging Local Currency Debt ...