Risparmio gestito – Banche europee tra incudine e martello

A
A
A
di Matteo Chiamenti 2 Luglio 2010 | 09:45
La crisi dei debiti sovrani europei ha fatto crollare le valorizzazioni bancarie a tal punto da attribuire loro una redditività futura al minimo storico degli ultimi 40 anni. Tale sottovalutazione è giustificata?. Ecco i punti toccati dagli strategist di AXA Investment Managers, Charles Dautresme e Raphaël Gallardo sono i seguenti:

Il nuovo rischio sovrano che si sta sommando ai numerosi timori circa la redditività futura delle banche, incluse nuova regolamentazione e tassazione, non dovrebbe essere preso alla leggera. Questo perché la pulizia dei bilanci bancari non è ancora conclusa.

Le valutazioni sembrano già includere molti dei potenziali scenari peggiori e quindi sembrano più interessanti di qualche mese fa. Di conseguenza AXA IM modifica la raccomandazione sul settore da sottopeso a neutrale. Ci sono troppe incertezze per assumere un maggiore rischio relativo sul settore in questa fase.

Gli stress test riveleranno i player più forti sul mercato e gli investitori dovranno fare scelte molto selettive all’interno di questo settore tormentato. Il nuovo rischio sovrano che si sta sommando ai numerosi timori circa la redditività futura delle banche, incluse nuova regolamentazione e tassazione, non dovrebbe essere preso alla leggera. La pulizia dei bilanci bancari non è ancora conclusa. Tuttavia, le valutazioni sembrano già includere molti dei potenziali scenari peggiori, a nostro avviso, e quindi ci sembrano più interessanti di qualche mese fa. Di conseguenza, modifichiamo la nostra raccomandazione sul settore da sottopeso a neutrale. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X