Marveggio (Gam): “Il rally delle small e mid cap può andare avanti”

A
A
A

Per gestore della casa di investimenti svizzera, i titoli delle piccole e medie aziende hanno ancora buone prospettive.

Andrea Telara di Andrea Telara31 marzo 2017 | 12:49

Di seguito il commento di Guido Marveggio, responsabile delle strategie azionarie per le small e mid-cap europee di Gam

RENDIMENTI A DUE CIFRE – Siamo molto ottimisti per il futuro delle società a piccola e media capitalizzazione nel 2017. Secondo la rilevazione dell’indice MSCI Europe Small Cap Nd negli ultimi cinque anni al 31 dicembre 2016 i rendimenti annualizzati del settore sono stati vicini al 18%. Il 2017 è cominciato bene e dal nostro punto di vista non ci sono ragioni perché l’asset class non debba continuare a generare rendimenti simili. I fondamentali per sostenerli ci sono: le revisioni degli utili sono positive, sostenute da una crescita dei ricavi su livelli che non vedevamo da un po’. Le aspettative del consenso si attestano dunque all’8% circa di crescita per il turnover e al 19% in termini di utile per azione. Quest’ultima rilevazione ci sembra abbastanza ottimistica e, dal nostro punto di vista, la stima più ragionevole si attesta intorno al 14-16%.

BUONE PROSPETTIVE – Anche il contesto macroeconomico è positivo, in particolare la fiducia dei consumatori. Verosimilmente il tasso di disoccupazione in alcune aree del Vecchio Continente continua ad essere elevato, ma le prospettive così come la situazione complessiva nel Continente sono solide. La crescita del Pil è in rialzo e gli indicatori anticipatori stanno evidenziando la ripresa. Il sentiment del mercato e delle società, così come il settore delle costruzioni, è altrettanto ottimistico. La svolta negli Emergenti, così come la perdurante crescita degli Stati Uniti, dovrebbe generare effetti a cascata positivi per le small e mid cap.Le preoccupazioni degli investitori discendono attualmente da timori di natura politica relativi alle elezioni francesi, le quali ci attendiamo aprano le porte ad un governo non populista che dovrebbe spingere gli investitori a tornare sul mercato azionario europeo. Le valutazioni nel segmento appaiono attraenti e rimaniamo prudenti solo per quanto riguarda il segmento delle micro-cap, per le quali i rendimenti sono stati molto elevati l’anno scorso, ed ora che le valutazioni iniziano ad essere sotto pressione notiamo una certa noncuranza da parte degli investitori.

SOLIDI BILANCI – Guardiamo alle società con solidi bilanci, di cui il settore small e mid cap è molto ricco. Con tale solida base finanziaria le società sono in grado di fare gli opportuni investimenti per rimanere competitive o per entrare in nuove aree di futura potenziale crescita. Inoltre sono di solito in grado di assicurare alti dividend yield. E’ interessante notare come la solidità dei bilanci implica che queste società sono spesso attive in operazioni di M&A, la maggior parte delle volte in qualità di acquirente. Guardando alla composizione del portafoglio, tendiamo ad avere una polarizzazione verso i titoli ciclici, per via della natura stessa della composizione dell’asset class. Guardiamo con particolare favore i titoli industriali, tecnologici e dei beni di consumo, così come quei modelli di business a bassa intensità di capitale e titoli growth sia ciclici che strutturali. Anche le operazioni straordinarie rientrano nel nostro approccio, poiché l’attività di stock-picking è in grado di fare davvero la differenza in questi casi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

GAM prende Heider da Deutsche Bank

Gam si prepara a una hard Brexit

Friedman (Gam): “Ancora interessati ad acquisizioni, ma senza fretta”

Gam: l’Italia preoccupa ma il mercato esagera

Cervellin (Gam): “Investire con algoritmi e Big Data”

Se Twitter predice l’andamento della volatilità

Gam: 2018 anno di transizione. Le opportunità nel mondo obbligazionario

Accordo tra GAM e la Fondazione di Venezia

Gam, un terzo delle masse in più

GAM: lo stato di salute dell’economia globale dipende dall’inflazione

Biggs (Gam): “Cosa c’è dietro il rally dei mercati”

GAM: emergenti, maggiori opportunità tra le emissioni in valuta locale

Gam: gli eventi da monitorare nel 2018

GAM: Il valore aggiunto di una gestione obbligazionaria attiva

Gam: Cina, il ritorno delle blue chip a tre anni dal lancio dello Shanghai Stock Connect

Gam arruola un investment manager per l’obbligazionario

Le 3 strategie di Gam protagoniste dell’Equity Day 2017

Gam: dopo la sfilata delle trimestrali il lusso va ancora di moda

Gam: la Fed potrebbe rimescolare le carte

GAM: la partita USA – Germania è solo al primo tempo

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

GAM: A-shares cinesi negli indici MSCI, un riconoscimento solo formale?

Cervellin (GAM): “La fine del gestore classico”

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi a Azionari Cina

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Area Euro – Large & Mid Cap Value

Gam: come generare alpha dalle M&A

GAM: l’inflazione è già sotto l’ombrellone?

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Settoriali – Energie Alternative

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Globali – Mid & Small Cap

Gam: biotech e biopharma portano in alto l’healthcare

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra gli azionari Cina

Londra, anche Gam vuole trasferirsi fuori dal centro

Sette fondi di Gam nella rete di Fineco

Ti può anche interessare

Boom per le polizze Pir

Al momento si contano 29 polizze Pir, a quanto risulta dal servizio Mia (monitoraggio innovazione as ...

Consultinvest: euro dollaro a fine corsa?

L’euro inizia ad avere valutazioni speculative. Se fino a 12 mesi fa era diffusa l’opinione che ...

Legg Mason lancia un nuovo fondo sui mercati emergenti

Il Legg Mason Martin Currie Global Emerging Markets è disponibile all’interno della gamma di fond ...