Fondi comuni Ucits, frenano i deflussi dei lungo termine

A
A
A
di Matteo Chiamenti 24 Agosto 2010 | 14:00
Diminuiscono sensibilmente le uscite per i fondi comuni Ucits a lungo termine (esclusi quelli monetari) nel mese di giugno, anche se i riscatti complessivi sono in aumento. A riferirlo è il rapporto mensile di Efama

I dati parlano chiaro: i deflussi del mese di giugno, pari a 200 milioni di euro circa, sono il 97% in meno di quanto in negativo riscontrato a maggio, ovvero 8 miliardi di euro.

La principale ragione di questa risalita risiede nella positiva ripresa dei comparti azionari, che nel mese di giungo hanno mostrato deflussi per 2 miliardi di euro rispetto agli oltre 11 miliardi di euro del mese precedente. Tuttavia se spostiamoli nostro orizzonte alla categoria Ucits nel suo complesso il discorso cambia. I dati mostrano infatti 31 miliardi di uscite rispetto ai 23 miliardi di giugno; insomma un mese a due facce.

Va però detto che il dato relativo al “pasticcio” dei monetario è piuttosto prevedibile; il mese di giungo è infatti tipicamente un periodo di liquidazione delle posizioni liquide in essere a fine semestre. Il valore totale degli asset under management è diminuito dello 0,4% nel mese di giugno rispetto a quanto fatto in maggio, mentre i comparti non Ucits sono saliti di circa un punto percentuale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X