State Street nominata da Pegaso per gestire 60 milioni

A
A
A

State Street Global Advisors si è aggiudicata un mandato obbligazionario per il fondo pensione pubblico italiano.

Biagio Campo di Biagio Campo16 settembre 2010 | 09:45

La scorsa settimana State Street Global Advisors (SSgA), la divisione investment management di State Street Corporation, è stata nominata dal fondo pensione Pegaso, a gestire un mandato obbligazionario, per un valore superiore a 60 milioni di euro.
Il Fondo Previdenziale Pegaso è il Fondo Pensione Complementare per i dipendenti delle imprese di servizi di pubblica utilità e per i dipendenti di Federutility, la Federazione delle imprese energetiche e idriche.

 “Siamo onorati di lavorare con Pegaso, uno dei più importanti fondi pensione in Italia, offrendo una soluzione di investimento indirizzata specificatamente ai suoi obiettivi” ha commentato Marco Fusco, managing director di State Street Global Advisors in Italia. Il mandato sarà gestito dal team di SSgA di Londra, specializzato in gestioni obbligazionarie attive.

Soddisfazione anche da parte di Bill Street, co-head of the Global Fixed Income team at State Street Global Advisors; “siamo orgogliosi di essere stati nominati da Pegaso per la gestione di un mandato obbligazionario attivo; i gestori obbligazionari hanno bisogno di lavorare con gli investitori per offrire soluzioni di investimento su misura che incontrino le loro esigenze specifiche, come ad esempio guadagnare efficienze di costo, avere accesso ad un ampio assortimento di esposizioni di mercato, diversificazione e liquidità.”

Con 24 miliardi di dollari in asset obbligazionari attivi a livello mondiale, 19 trilioni di dollari sotto custodia e amministrazione, e 1,8 trilioni di dollari in gestione, la società statunitense, presente in 25 paesi, rappresenta un leader globale nell’asset management.

La crescente presenza di gestori indipendenti e di qualità, all’interno della previdenza complementare italiana, rappresenta un elemento fondamentale per la crescita di un settore, che ancora oggi si scontra con rendimenti medi non soddisfacenti e costi elevati. In quest’ottica, la nomina di SSgA da parte di Pegaso, è parte di un più complesso processo di ammodernamento e crescita di efficienza, del sistema pensionistico e finanziario italiano
 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

I fondi pensione dopo la crisi finanziaria

Il passaggio verso il sistema contributivo

Ti può anche interessare

Fondi comuni, in Italia massima spesa e minima resa

Nel 2019 dei record, i prodotti del risparmio gestito italiano sono costati mediamente di più (e ha ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 13/05/2019

La rubrica del risparmio gestito. ...

Pir, l’abisso di giugno

I Piani individuali di risparmio (Pir), a meno di tre anni dallo loro nascita, sono già a rischio d ...