Risparmio gestito – Obbligazioni troppo care

A
A
A

Ecco un estratto della nota di strategia di Pictet Funds di Settembre, a cura di Andrea Delitala, head of investment advisory e Marco Piersimoni, investment advisory della società.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti16 settembre 2010 | 12:00

Anche in agosto i dati macroeconomici americani hanno deluso le aspettative, in particolare nei settori cruciali del lavoro e delle case mentre l’Europa, pur con le solite disomogeneità, conferma la ritrovata forza trainante della locomotiva tedesca. Gli Stati Uniti non riescono a creare posti di lavoro, la cui distruzione è però stata inferiore alle attese nei mesi estivi, la qual cosa assieme a qualche altro segno di vitalità economica (retail sales) ha innescato una fase di mercato più fiducioso. Il tono negativo prevalso per tutto agosto ha dunque lasciato il posto ad un buon recupero degli indici azionari, quasi tutti tornati ai livelli di fine luglio. Riteniamo il tenore del rallentamento globale in atto di tipo fisiologico più che patologico e riteniamo ancora marginale il rischio di una ricaduta nella recessione o deflazione (double dip). Detto ciò la prognosi di questa complicata congiuntura non può essere definitivamente sciolta, poiché pochi sono in grado di dire se la domanda interna delle economie industrializzate raggiungerà un tenore di crescita sostenibile, ovvero senza continui interventi di policy. 

 Una delle poche cose chiare, convalidata dalla Fed, è che in caso di ricaduta sarà principalmente la politica monetaria (quella di bilancio solo in Cina e qualche EM) a farsi carico di nuove misure di stimolo. Purtroppo la fiducia degli investitori si è dimostrata ancora una volta vulnerabile, probabilmente a causa delle cicatrici ancora dolenti del 2008-2009. Prova ne sia la disaffezione che appare di natura sempre più strutturale verso le attività rischiose, azioni in primis, rivelata dall’andamento delle sottoscrizioni di Fondi di investimento internazionali. Questo stesso aspetto, tuttavia, ci fa ritenere che non vi sia sovrappeso sistemico di azioni nei portafogli soprattutto privati, mentre semmai vi siano un po’ troppe obbligazioni. Anche se nel commento che segue argomentiamo che non si possa parlare di una ‘bolla dei bonds’, giungiamo alla conclusione che, dopo la pronunciata discesa di agosto, difficilmente i tassi di interesse possano scendere ancora globalmente.  

Tutto ciò ci porta a suggerire per la prima volta da quasi quattro anni una riduzione significativa della durata finanziaria. Infine si è riconfermata la sorpresa positiva di fine luglio in merito alla regolamentazione del mercato e degli intermediari piuttosto gradita dal settore finanziario in quanto meno ‘punitiva’ di quanto temuto. Per Basilea 3 che deve essere approvata dal G20 di Seul in novembre impostazione e implementazione saranno blandi, con avvio nel 2013 per entrare a regime solo nel 2019. La decisione di Deutsche Bank di rivolgersi al mercato per un ingente aumento di capitale è un esempio di come il settore possa comunque restare sotto pressione.  I pesi azionario e obbligazionario sono a benchmark ma l’asset allocation cambia in due aspetti non marginali: dimezziamo la durata finanziaria delle obbligazioni attraverso la vendita di quelle a scadenza più lunga; teniamo/aumentiamo le azioni globali che, con previsioni di profitti sostanzialmente invariate, a fine agosto hanno registrato i premi al rischio più elevati dal marzo 2009. In particolare ci piacciono dividend yields generosi. Confermiamo la neutralità sui titoli indicizzati all’inflazione (circa 20% del reddito fisso) e di Corporate IG; resta il sovrappeso sul Debito (o monetario) dei Paesi Emergenti in valuta locale e degli US High Yields. 

 Per approfondimenti: www.pictetfunds.it


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pictet AM: Roadshow Estivo 2019 ai nastri di partenza

Gestori in vetrina – Pictet AM

Investimenti nel mattone targati Pictet

Premio al family business sostenibile

Pictet AM: il monitor sugli emergenti di marzo

Pictet AM, la strategia di febbraio

Pictet: il dietro front della Fed

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Pictet AM

Pictet racconta il 2019 ai consulenti

Pictet: due alternative per guadagnare a inizio 2019

2019 on the road con Pictet

Pictet AM, una nuova guida per l’Italia

Pictet: biotecnologie, che forza!

Investire oggi: l’analisi dei mercati finanziari di Luglio 2018

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

Vivere (e investire) sani con Pictet AM

L’Abc della finanza con Pictet

Pictet: criptovalute, una moda o il futuro?

Fondi: puntare sul debito emergente con Pictet

Pictet Asset Management, Roadshow invernale ai nastri di partenza

Collardi lascia Julius Baer per Pictet

Pictet: occhi puntati sui rialzi dei tassi

Pictet: il rischio geopolitico riaccende la volatilità

Pictet: la ripresa c’è, ma quanto è sostenibile?

Piersimoni (Pictet Am): “L’Agenda Trump è sparita dai radar dei mercati”

Pictet Am lancia fondo con strategie long/short

SdR 17, Noia (Pictet): “Formula 1 e asset management, gestire il rischio per fare performance”

Pictet, al Salone del Risparmio il pilota di F1 Marc Gené

Sito web rinnovato per Pictet

Classifiche Bluerating: Pictet in testa tra i fondi Obbligazionari Yen Giapponese

Classifiche Bluerating: Pictet in testa tra i fondi azionari Russia

La digital revolution secondo Pictet

Top Advisor, missione sostenibilità

Ti può anche interessare

JP Morgan AM: otto tappe sotto il tetto tricolore

J.P. Morgan Asset Management ha recentemente annunciato la partenza del proprio roadshow rivolto ai ...

Anima, ad agosto raccolta posiva

Seppure in diminuzione rispetto ai 131 milioni di euro di luglio, prosegue su sentieri positivi la r ...

Carmignac sotto indagine in Francia

La società francese nel mirino degli inquirenti per la remunerazione di alcuni dirigenti ...