Prima rilancia con il Multicorporate

A
A
A
Avatar di Francesco D'Arco 20 Ottobre 2010 | 10:00
Dopo i risultati ottenuti con il comparto Bond 2013, la SGR punta su una versione “dinamica”, con scadenza 2015 e una nuova modalità di sottoscrizione

Prima SGR ha da sempre un legame particolare con il mondo obbligazionario corporate.
Non per nulla è stata protagonista assoluta del mercato con il Prima bond 2013, un prodotto lanciato nel 2009 che ha ormai ottenuto tutti gli onori della cronaca, essendo il primo comparto obbligazionario corporate a scadenza di Prima Funds, la sicav irlandese del “Gruppo Prima”.
Ora la ritroviamo di fronte a una nuova sfida, un nuovo prodotto che si colloca di diritto tra le proposte da non perdere di questo 2010. Stiamo parlando del neonato Prima Bond 2015 Multicorporate dinamico.
ADVISOR ne ha discusso con Cristiano Busnardo, vicedirettore generale e responsabile commerciale di Prima SGR.

Ci presenti il nuovo Prima Bond 2015 Multicorporate dinamico?
Si tratta essenzialmente del nuovo comparto obbligazionario corporate a scadenza di Prima Funds. E’ partito l’1 settembre 2010 e punta principalmente a cogliere le opportunità offerte dal mondo delle obbligazioni societarie con le tutele di una gestione professionale del rischio e i vantaggi tipici di un orizzonte temporale di investimento pre-determinato.

Una scelta nata dal successo avuto dal Prima Bond 2013?

Sicuramente i numeri particolarmente interessanti messi a segno in neppure 8 mesi da Prima Bond 2013 già evidenziano come un fondo obbligazionario a scadenza possa proporsi come una efficiente alternativa a portafogli eccessivamente ingessati in prodotti di liquidità se si è disposti ad allungare adeguatamente e senza equivoci l’orizzonte temporale di investimento.
D’altra parte il buon avvio di Prima Bond 2015 Multicorporate testimonia come il timing favorevole al lancio del prodotto, la gestione attenta di una significativa quota di obbligazioni societarie ad alto rendimento, l’elevata professionalità messa in campo dal team obbligazionario di Prima SGR possono in prospettiva offrire buone soddisfazioni a investitori delusi dalle vicissitudini che hanno colpito il mondo delle obbligazioni governative.
Si pensi che abbiamo ottenuto una performance assolutamente straordinaria per un prodotto di tipo obbligazionario “vitaminizzato” dalla presenza di obbligazioni High Yield: +2,10% in meno di due mesi.
A testimoniare questo successo ci pensano gli oltre 200 milioni di euro di raccolta registrata.

Cosa lo distingue dal comparto Bond 2013?
Diversamente da Bond 2013 (che si basa sull’allocazione settoriale e sulle scelte di picking sui singoli emittenti), il nuovo bond a scadenza di Prima avrà una leva aggiuntiva, potendo operare scelte allocative.
Infine, con Prima Bond 2015 Multicorporate Dinamico verrà introdotta una nuova modalità di sottoscrizione volta a offrire una redditività potenziale, anche se contenuta, ai clienti primi sottoscrittori che, dovendo attendere qualche settimana prima che il gestore completi la costruzione del portafoglio, godono di un trattamento commissionale particolarmente favorevole e vicino a quello praticato nel mondo istituzionale (0,20% la commissione di gestione iniziale per un portafoglio prevalentemente monetario).

Come è organizzata la gestione?
Benché originato in Irlanda, anche Prima Bond 2015 Multicorporate Dinamico sarà gestito in Italia dallo stesso team di specialisti che, nell’ambito del desk obbligazionario, sono dedicati ai prodotti a spread.
In particolare la responsabilità gestionale del prodotto sarà affidata a Rocco Bove, il gestore di Prima Fix High Yield (oltre che di Prima Bond 2013 e Prima Bond 2015 Multicorporate).

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Non solo hedge fund: ecco la carta Ucits

Prima rinnova la gamma di prodotti irlandesi

Anima-Prima, siglato il memorandum of understanding

NEWSLETTER
Iscriviti
X